Daniele Finzi Pasca
Immagini articolo
"Diamo del tu agli dei
per dire che sbagliano"
STEFANO PIANCA


Il ragazzo che giocava col vento oggi è un uomo di 52 anni. Il volto incorniciato da una barba quasi profetica, lo sguardo è quello vivace e dolce di sempre, solo velato da una ineffabile malinconia. Poi c’è l’abbraccio, spontaneo, che regala ai molti che lo riconoscono per strada nella sua Lugano. Ha vissuto anche d’affetto in questi mesi Daniele Finzi Pasca. Dopo la morte, lo scorso maggio, della moglie Julie, lei pure regista, con cui ha condiviso vita e arte. La Compagnia le ha reso omaggio con lo spettacolo "Per te", portato in scena al Lac lo scorso mese.
Col Caffè l’attore, regista e coreografo affronta il tema della perdita, ma getta anche uno sguardo lucido sul futuro. Che è costellato di impegni, tanto che appena calato il sipario sulla prima luganese, lui e i suoi compagni di viaggio sono volati subito a Città Messico per nuovi spettacoli. E nel 2017 ci saranno l’Australia, la Corea, il Brasile, l’Uruguay, gli Stati Uniti, la Cina,...
Icaro no, il monologo che lo stesso Daniele Finzi Pasca porta in scena da 25 anni, ha ripiegato le ali. Per ora. La corazza di un personaggio non basta: "Per un po’ l’ho sospeso - racconta -. È un periodo questo in cui ho bisogno di contenere le emozioni. Basta un nulla e viene giù tutto. Quando vai in scena un po’ ti devi spogliare e adesso non ce la faccio. Però seguo molto la Compagnia...". Un impegno nel solco di un modello di grande forza: "Julie è stata malata per dodici anni e nessuno dall’esterno se n’è reso conto. È lei che ha creato le condizioni per il nostro ritorno a Lugano. Due settimane dopo la sua morte bisognava iniziare con le prove dello spettacolo ed è stata questa sua dignità nella malattia...". Finzi Pasca cita l’esempio della battaglia dei cavalieri contro i draghi volanti, uno dei momenti più magici e tecnicamente perfetti di "Per te", con uno dei due guerrieri che dice: ‘Morirò in piedi’. "Questa dignità di Julie mi e ci ha obbligato a dire che quello che dobbiamo fare e ciò che sappiamo fare. Se fossi stato un panettiere sarei ritornato davanti al forno, se fossi stato un agricoltore avrei ripreso la via del campo...  Sono un uomo di teatro e sono ritornato a fare quello che devo fare. Non tanto come una liberazione, ma con un senso piuttosto di dovere. Soprattutto nel ricordo della Ju che ci ha portato a Lugano. Dire ‘non me la sento’ non sarebbe stata cosa degna. Quindi con dignità abbiamo detto okay".   
Il pubblico ha apprezzato, consapevole del privilegio di poter passeggiare nel giardino di Julie. Tra invenzioni sceniche che lasciano a bocca aperta e la  trasfigurazione del dolore. "Dopo Dalì e Cechov - spiega il regista - ‘Per te’, dedicato a questa magnifica attrice e donna di teatro che era Julie, chiude una trilogia.  Realizzare un’opera sulla sua vita, conoscendone ogni più piccolo dettaglio, ci ha permesso di entrare, a me, a Maria, a Ugo, a tutti noi, tra le più minute pieghe di quella che è stata la sua battaglia. L’ultimo anno passato in ospedale, di cui sette mesi in cure intensive. Ju è stata malata per dodici anni. Ma aveva questa forza, questa capacità di resistenza, perché era benedetta da un carattere straordinario che le permetteva di rimanere sempre molto leggera".
Una leggerezza che accompagna tutta la rappresentazione e che ha nel contrappunto di altri personaggi, i guerrieri fasciati da una pesante armatura, un’allusione "alla sofferenza che è reale e al tentativo di renderla leggera. Perché quella è la nostra cifra teatrale". Una cifra che non è solo visione, ma anche parola e simboli da decifrare. Come la metafora delle armature: "Julie soffriva di una malattia molto rara. Il suo cuore si stava calcificando. Questi acrobati chiusi dentro corazze spesse di metallo, con trenta-quaranta chili addosso, si confrontano con una protezione da un lato, ma anche con una perdita totale di agilità dall’altro. Mentre questo accade coi corpi degli attori, attorno a loro abbiamo utilizzato questa tecnologia del vento...".
Alla fine, nell’aria, resta sospesa anche la domanda sul senso più profondo della sofferenza. "Dopo dieci repliche ci siamo resi conto che lo stupore di fronte alla vita è comune a molti, la rabbia e una ricerca di senso che in certi momenti non è tanto facile da trovare. Anzi, è molto molto complicato. Poi magari alcuni trovano delle strade, la mia passa attraverso più riflessioni. Sono un clown, non un filosofo. I miei pensieri sono quelli di un semplice. Noi semplici reagiamo in modo molto primario. Ci interroghiamo, magari dando anche del tu agli dei. Dicendo loro che proprio ci sembra tutto sbagliato". L’ultima creazione della Compagnia Finzi Pasca - una famiglia numerosa e molto allargata - è anche la dimostrazione della capacità di fare un amalgama perfetto tra le qualità tecniche acquisite con gli spettacoli da stadio, le cerimonie olimpiche per intenderci, e l’intimità del teatro pensato per un pubblico più ristretto. Ma anche la più perfetta araba fenice, per rinascere e librarsi in volo ha bisogno di un nido. Quello del Lac è speciale, ma ancora incompleto.
"Quando anni fa si sono create la condizioni perché la Compagnia tornasse, c’era come la volontà di darci un luogo dove poter stare. Il teatro ha aperto in un modo un po’ rocambolesco. Ora dobbiamo concretamente ragionare su cosa voglia dire essere una compagnia stabile. Non puoi sentirti a casa e non avere le chiavi per entrare. Abbiamo avuto, ad esempio, più di un centinaio di invitati internazionali che abbiamo dovuto accogliere al bar...". Quest’anno ha funzionato la parte più creativa, perché c’è stato più tempo. Ma adesso ci sono davanti grandi impegni. "A partire da Montréal, dove tra pochi mesi portiamo uno spettacolo per i festeggiamenti dei 375 anni dalla fondazione della città. Un progetto con un budget di 5 milioni e mezzo. Tutto gestito da noi. Bello sarebbe se questo cantiere potesse essere visto, avvicinato. Il fatto invece di tenerci isolati o comunque così vicini, ma al tempo stesso così lontani, non permette di approfittare della nostra presenza. Noi potremmo andare in tanti luoghi, il senso di restare a Lugano è che ci sia veramente la possibilità di creare un vaso comunicante con la realtà".
Nel concreto, significa che "un’organizzazione come la nostra, grande e complessa, che nella sua dimensione è forse più grande di quella del Lac, non può essere messa in uno sgabuzzino. Quindi se ci si vuole bisogna creare le condizioni affinché  possiamo lavorare con una certa agilità. La grande questione ora è solo politica".

spianca@caffe.ch
@StefanoPianca
11.12.2016


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano