Boas Erez
Immagini articolo
"Dallo scambio d'idee
si rafforza l'università"
STEFANO PIANCA


Da sei mesi nell’edificio tra via Buffi e via Lambertenghi, sede direttiva della vicina Usi, c’è un nuovo "inquilino". Lugano non è Bordeaux, dove ha vissuto e lavorato per decenni questo professore di matematica e dove ritorna perché là è rimasta la sua famiglia: "La distanza non semplifica le cose, ma ho tutta la libertà per dedicarmi al lavoro. I miei bambini sono piccoli e far cambiare loro scuola adesso non era ragionevole", racconta al Caffè. Da settembre, invece, potrà passeggiare con loro nei luoghi che conosce bene, visto che a poca distanza da qui - in zona Molino Nuovo - Boas Erez ha abitato dai 5 ai 18 anni. In pratica fino al termine del liceo. Oggi ne ha 54 e, da studioso dei numeri, ha una certa dimestichezza con incognite e certezze. Come quella che "le università per gestione finanziaria e risorse funzionano un po’ tutte allo stesso modo" spiega il primo rettore dell’Università della Svizzera italiana dopo un ventennio di conduzione affidata ai "presidenti". "Ma anche Marco Baggiolini e Piero Martinoli, i miei predecessori, per la maggior parte del loro tempo facevano di fatto i rettori e poi cinque volte all’anno presiedevano il Consiglio dell’università".
Impugnato il timone, ha dovuto affrontare subito il mare mosso, e qualche scoglio, come quella commissione di controllo architettata dal Gran consiglio per Usi e Supsi. Ma in fin dei conti finora prevalgono gli aspetti positivi: su tutti la recente presentazione della nuova facoltà universitaria di Scienze biomediche. Pure la prossima sfida è di quelle decisive: ridare lustro ad una facoltà di Scienze della comunicazione, che l’uscente Martinoli aveva definito un po’ passata di moda: "Da dicembre abbiamo iniziato un lavoro in seno alla facoltà per definirne lo sviluppo futuro. A maggio - precisa il rettore - questo lavoro sarà ultimato e il 13, in occasione del Dies academicus, diremo che risposte abbiamo trovato. Sono convinto che sapremo rispondere in modo soddisfacente ai dubbi sollevati. In un certo senso si tratterà di un lavoro di rifondazione della facoltà".
La capacità di affrontare i problemi con agilità è del resto uno degli aspetti che hanno convinto Boas Erez ad accettare la sfida. "Tra le piacevoli conferme c’è il fatto di aver trovato molte persone che credono ancora nel potenziale di questo ateneo sia a livello di servizi sia del corpo accademico. Fa piacere anche il riscontro degli studenti che nel complesso sono contenti della loro esperienza con noi. Io stesso sono stato ben accolto".
Un’esperienza finora nel segno più, per questo matematico appassionato di filosofia, linguistica e psicoanalisi. Non immaginatelo però marmocchio a tracciare formule col gesso sull’asfalto. La passione per i numeri, più che la premessa, è la conseguenza di un approccio alla realtà: "Ad un certo punto mi sono reso conto di avere una certa propensione a pormi delle domande sui fondamenti delle cose", spiega. Da lì scocca la scintilla: "Ho iniziato con l’interessarmi alla chimica, quindi sono stato attratto dai processi fisici sottostanti. Il passo ultimo è stato la matematica. Ma quando sono partito dal Ticino per andare a studiare a Ginevra, ancora esitavo tra matematica e logica. Gli anni del liceo a Lugano? Mi sono serviti - scherza - per immagazzinare tutta quell’energia che in seguito ho messo a frutto. Non sono di quelli che a sei anni risolvevano equazioni. Piuttosto lungo il mio percorso ho incontrato persone che mi hanno fatto amare la materia e aperto nuovi mondi". Gli incontri tra docenti e studenti, prosegue nel suo ragionamento il rettore, "sono quanto di più bello possa offrire un’università. È uno dei punti di forza dell’Usi, delle università svizzere in generale, ed è uno dei problemi che più penalizzano le università di massa, dove questo tipo di contatti sono sempre più rari e difficili".
Dopodiché ci sono altri aspetti sui quali le università possono ancora oggi avere un ruolo di primo piano. In un’epoca di estrema confusione per quanto riguarda le professioni di domani acquisire un metodo è prioritario: "Le competenze, ossia quelle capacità di sviluppare dei ragionamenti per risolvere i diversi problemi, sono sempre più valorizzare sul mercato del lavoro".

spianca@caffe.ch
@StefanoPianca
05.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ecco le forze militari
sulla scena siriana
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il pane come simbolo
della condizione umana
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
13.04.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2017
06.04.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 6 aprile 2017 alle ore 17.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
02.04.2017
Consiglio comunale di Bellinzona: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Municipio di Paradiso: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Consiglio comunale di Paradiso: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Consiglio comunale di Riviera: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Municipio di Bellinzona: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Municipio di Bellinzona: pubblicati i risultati parziali (17 su 22 Uffici elettorali)
02.04.2017
Municipio di Bellinzona: pubblicati i risultati parziali (12 su 22 Uffici elettorali)
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siriani in Usa
divisi
sull'attacco
di Trump

Eta
il giorno
della consegna
degli arsenali

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch