Alessandro Gassmann
Immagini articolo
"Giunto a questa età
farò la rivoluzione!"
ROSELINA SALEMI


el 2011 ha aggiunto una "n" al cognome che si era persa negli uffici dell’anagrafe. Ma, con o senza la "n" in più, Alessandro Gassmann resta uno di quei bravi attori poco presenzialisti, minimamente mondani, lontanissimi dal gossip (vita tranquilla, stessa moglie dal 1998, Sabrina Knaflitz) e ancora capace di grandi passioni: il suo mestiere, l’impegno sociale (è testimonial di Amnesty International, ha visitato i campi profughi siriani in Libano) l’attenzione ai cambiamenti e alle sfide del mondo moderno. Certo, chi se lo ricorda come uomo-oggetto, sexy e abbastanza nudo nel calendario del mensile Max del 2001, fatica a metterlo d’accordo con l’immagine riservata che ha costruito nel tempo. È sempre un bel tipo, con i suoi giovanili 52 anni, e recitare nelle commedie lo diverte. Ma quando gli parli, ti rendi conto che anche i suoi personaggi più "leggeri" hanno un lato profondo, affrontano dinamiche contemporanee e mutamenti spiazzanti. Il mondo che va veloce e ti lascia indietro. Nel film "Il nome del figlio" il tema "serio" era il pregiudizio (si può chiamare un bambino con il nome di un dittatore?)  in "Se Dio vuole" c’era quello della spiritualità e l’ultimo arrivato al cinema, "Beata ignoranza", suggerisce, ridendoci sopra, un paio di riflessioni sulla tecnologia (deve farci paura?) e la paternità (che cosa significa essere padre?). "In Beata ignoranza - racconta Gassmann - sono Filippo, uno spensierato professore di matematica sempre connesso, adorato dagli studenti ( in realtà non li fa lavorare) che finisce nella stessa scuola di un ex amico e collega. Ernesto ( Marco Giallini) ha un Nokia del ’95 e gli basta. Rifiuta la tecnologia in ogni sua forma, sequestra i cellulari in classe. I due si detestano e hanno un legame segreto: sono stati innamorati della stessa donna, che alla fine però ha sposato Ernesto."
La domanda che passa tra i dialoghi brillanti e le gag è: la vita vera è online oppure offline? È meglio inseguire la tecnologia o vantarsi del proprio analfabetismo digitale? Alessandro Gassmann una risposta ce l’ha: "La vita vera è offline, assolutamente. Sono su Twitter anche per lavoro, non sono su Facebook, non ho Snapchat. Non demonizzo i social, è inutile chiamarsi fuori - è una battaglia persa in partenza , tra retroguardia e snobismo - ma sono mezzi potenti e pericolosi, tirano fuori il tutto meglio e tutto il peggio di noi. Il vero problema è l’uso sbagliato che se ne fa. Bisognerebbe che l’educazione digitale diventasse una materia da studiare a scuola: soltanto così i ragazzi potrebbero capire quali rischi corrono".
L’altro tema chiave è la paternità (nel film c’è di mezzo la complicata figlia cresciuta da Ernesto). "Il vero padre - dice Gassmann - è quello che ti vuole bene, si occupa di te. La biologia dà sicuramente dei diritti, ma ne dà di più la responsabilità. Io penso questo: i genitori sono obbligati ad amare i figli che hanno messo al mondo, ma i figli no. Un buon genitore deve farsi scegliere. Filippo, il mio personaggio, il supersimpatico, l’amicone, fugge dalle responsabilità invece di considerarle un’occasione di crescita. Sembra che si diverta, ma è solo apparenza. In realtà ha costruito poco e si ritrova con poco". E quando pensi che Filippo sia così credibile perché c’è qualcosa di Gassmann in lui, ecco la sorpresa: "No, non gli somiglio per niente. Sono fatto in una maniera molto diversa. Più che parlare preferisco ascoltare, evito di mettermi in mostra. Però certe volte sento che mi piacerebbe essere estroverso, capace di stare al mondo, di essere al centro dell’attenzione. Mio figlio Leo, invece, è più simile a Filippo, almeno nella simpatia, nella leggerezza. Si trova a suo agio in mezzo alla gente…" Molto cautamente, Gassmann rivela che sta lavorando con Massimiliano Bruno a un progetto importante, il suo secondo film da regista dopo "Razzabastarda". Ma ammette la sua voglia di "fare la rivoluzione" dopo il giro di boa dei cinquant’anni: "A modo mio, certo. Voglio rompere le scatole occupandomi di problemi sociali, cose di tutti i giorni che interessano alla gente, e uso, appunto, Twitter: mi permette di esserci. Per dare una mano, bisogna essere antipatici a qualcuno. Io mi auguro di essere antipatico a molti… Significherà che sto facendo davvero qualcosa di utile."
12.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I sentieri del Russiagate
portano fuori dagli Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch