Marco Cappato
Immagini articolo
"Presto aiuterò altri
a suicidarsi in Svizzera"
MASSIMO SCHIRA


Rischia 12 anni di prigione per aver aiutato a morire il 39enne Fabiano Antoniano, meglio noto come Dj Fabo. Lo ha accompagnato a Zurigo alla fine di febbraio, per un viaggio che ha riassunto definendolo "cinque ore penose verso l’esilio della morte". Ma non se ne pente, Marco Cappato, politico italiano dei Radicali e tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, che da anni è al fronte per assicurare la libertà di cura e la ricerca scientifica. Non era la prima volta che Cappato aiutava qualcuno nel cammino verso la "dolce morte". Ma per la prima volta ha scelto di esserci in prima persona, violando così l’articolo 580 del codice penale italiano. Al Caffè racconta i motivi dietro questa scelta. "Aiutare persone gravemente malate in questo percorso credo sia un mio dovere - spiega Cappato -. E sinceramente ce ne sono molte che partono per la Svizzera di nascosto. Altre, invece, vorrebbero la legittimità in casa propria di una scelta che reputo un diritto umano fondamentale. Io mi occupo di cercare di far valere la loro voce. Ma finché l’Italia non cambierà, continuerò ad aiutare persone a venire in Svizzera a morire. Presto ne aiuterò altre due. E lo farò finché non mi sarà impedito fisicamente".
Non è la prima battaglia per questo 46enne di Milano, ma cresciuto in Brianza. E, del resto, non potrebbe essere altrimenti per un radicale a tutto tondo, da sempre accanto a figure come Marco Pannella (ha vissuto anche a casa sua, oltre a frequentarlo in prima persona per 25 anni) o Emma Bonino, vere e proprie icone del radicalismo italiano. Lavorando con l’Associazione Luca Coscioni - dedicata al ricercatore universitario malato di Sla -, ad esempio, ha partecipato alla lotta per cambiare la legge sulla fecondazione assistita, riuscendo a rendere legale in Italia la fecondazione eterologa. Mentre oggi è il cosiddetto "fine vita" ad essere al centro delle sue attenzioni. "Accogliendo le persone che scelgono di mettere fine ai loro giorni, la Svizzera fa un grande atto di civiltà e fratellanza - afferma Cappato -. Naturalmente auguro alla Confederazione di non essere più isolata tra gli altri Paesi e di potersi occupare soltanto dei suoi casi. È un esempio che le altre realtà europee dovrebbero seguire". Per un politico che ha fatto dell’antiproibizionismo una vera e propria ragione di vita, iniziando giovanissimo a seguire le orme del fratello tra i radicali, la libera scelta di come terminare la propria esistenza terrena (in caso di grave malattia) rappresenta una questione basilare. "Dovrebbe essere un diritto comune alla portata di tutti, al di là della nazionalità e del luogo di residenza - aggiunge -. Quando due persone si incontrano, non si chiedono certamente il passaporto. Allo stesso modo in cui le persone hanno diritto alle cure, dovrebbero avere diritto ad interromperle. L’atteggiamento della Svizzera è coerente con i suoi valori, che segue anche in questo caso. Infatti a Zurigo abbiamo trovato persone di elevatissima professionalità nel seguire il percorso di Fabo. Il problema, invece, è di altri Paesi".
Quella di Marco Cappato, insomma, è una battaglia di libertà che non intende interrompere alla prima difficoltà. Anche se essa potrebbe costargli proprio quella libertà individuale per cui da anni lotta in prima persona. Nell’ultimo decennio, ha seguito in modi diversi centinaia di persone, tra consigli, indirizzi, supporto giuridico e, a volte, anche sostegno economico. E continuerà a farlo. "Senza alcun dubbio - conclude -. Anche se sarà in modo diverso rispetto a quanto fatto per Fabo. La meta sarà ancora la Svizzera? Certamente, perché ci ha accolti senza pregiudizi, solo per aiutare persone in difficoltà". Dal profilo giuridico, invece, Cappato attende di essere processato. Per potersi così difendere pubblicamente e ritagliarsi, forse, un po’ più di libertà in futuro.

mschira@caffe.ch
@MassimoSchira
19.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel