Mimmo Lucano
Immagini articolo
"Io, sindaco modello
accolgo i migranti"
FRANCESCO ANFOSSI


ome in un romanzo di Melville o Stevenson, è stato un veliero a dare la svolta che cambiò la vita del comune calabrese di Riace, in provincia di Reggio Calabria, e del suo sindaco Mimmo Lucano, che dice: "Me lo ricordo bene quel veliero sgangherato con le vele ormai ammainate". Il vento e la deriva lo avevano portato nella Locride dalle coste dell’Asia Minore. Approdò un’alba del 1998 e si arenò tra gli scogli di questa terra, carico di trecento profughi curdi . "Stava lì, sballottato dalle onde, ad aspettare che il nostro destino cambiasse. Non si sapeva che fare di quella gente disperata e a me venne un’idea balzana: sistemiamola nelle vecchie case disabitate del borgo. Di posto ce n’era in abbondanza, si trattava di ruderi in cui regnava il silenzio da decenni. Mi presero per matto e cominciarono a chiamarmi il sindaco dei curdi. Ma la cosa funzionò, anche grazie all’aiuto e all’incoraggiamento dell’allora vescovo di Gerace Giancarlo Bregantini". Da quel giorno nulla fu più come prima, il vecchio centro storico disabitato cominciò a rivitalizzarsi, da vecchi ruderi silenziosi da decenni arrivavano nuove voci.
Mimmo Lucano ha così aggiunto alla fama dei Bronzi di Riace la popolarità internazionale di un modello di integrazione cui guardano da tutto il mondo, soprattutto da quando, nel marzo scorso, il suo nome è stato inserito nella classifica dei "potenti della terra" (insieme a Bergoglio, a Bill Gates, a Bono degli U2 e alla Merkel) del prestigioso periodico americano Fortune. Un potere anomalo, quello di Lucano: "E infatti non me lo so spiegare, non so nemmeno chi ha fatto la segnalazione, forse una studentessa americana venuta per una tesi di laurea, a meno che il periodico non intenda il potere di cambiare i pregiudizi legati all’accoglienza".
A Riace, nel 2009, era già venuto Wim Wenders, il regista de "Il cielo sopra Berlino", per girare "Il volo", un bellissimo documentario sull’immigrazione vista con gli occhi di un bambino di 8 anni, Ramadullah. "Mi hanno conferito riconoscimenti da tutto il mondo e m’invitano  in tutti gli angoli d’Europa. Lo scorso anno sono stato anche in Svizzera, a Berna, ospite di un’organizzazione che si occupa di cooperazione internazionale - ricorda Lucano -. Ho conosciuto gente straordinaria che lavora per l’assistenza e l’integrazione. Il giorno dopo la premiazione gli organizzatori mi portarono a visitare un centro di accoglienza per rifugiati del cantone. Rimasi colpito dall’organizzazione e dalla quiete "svizzera" della città in contrasto con quel luogo, che era un "non luogo", c’era una famiglia di sei persone stipata in una cameretta, le condizioni igieniche erano al limite. Per me l’integrazione è l’esatto contrario: noi a Riace diamo una casa vera a chi scappa dalla guerra e dalla fame". Col tempo Riace è diventato un crocevia di etnie e di popoli: curdi, afghani, palestinesi, senegalesi, eritrei, iracheni, serbi, libanesi e altre nazionalità sono passate da qui con i vari piani di accoglienza del ministero dell’Interno cui il comune ha aderito.   Cinquecento profughi, su una popolazione di 1800 abitanti, sono diventati residenti e hanno aiutato il paese a sviluppare attività di microeconomia: un laboratorio di ceramica e uno di tessitura, un bar, una panetteria, è rinata una scuola elementare ed è stata riattivata la raccolta differenziata dei rifiuti, con due asinelli che si inerpicano tra i vicoli del borgo antico.  Sperimentata  e tuttora in funzione una moneta locale: il municipio emette dei ticket con cui gli immigrati acquistano in paese cibo e altri beni di prima necessità. Poi i commercianti consegnano i ticket e ricevono i soldi che Roma ha stanziato per questi progetti di inclusione. E si lavora pure a un progetto per i terreni confiscati alle mafie su cui si vorrebbero creare nuove attività agricole. Ma è possibile replicare il "modello Riace"?
"L’importante è capire che la migrazione è la normalità - risponde Lucano -, in questo mondo in cui alla deriva, insieme ai migranti, ci sono anche i valori umani. È innanzitutto una questione di sensibilità, di comprensione per le sofferenze altrui. Questo prima delle soluzioni tecniche, che si possono trovare anche nelle metropoli, perché in fondo le città sono una somma di piccoli quartieri, piccole realtà come Riace".
02.04.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Ecco le forze militari
sulla scena siriana
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il pane come simbolo
della condizione umana
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
13.04.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2017
06.04.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 6 aprile 2017 alle ore 17.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
02.04.2017
Consiglio comunale di Bellinzona: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Municipio di Paradiso: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Consiglio comunale di Paradiso: pubblicati i risultati definitivi
02.04.2017
Consiglio comunale di Riviera: pubblicati i risultati definitivi
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siriani in Usa
divisi
sull'attacco
di Trump

Eta
il giorno
della consegna
degli arsenali

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch