Paolo Grandi
Immagini articolo
"Dentro un risotto
cerco la perfezione"
MASSIMO SCHIRA


e la sua intensa vita fosse concentrata in un piatto, probabilmente sarebbe un risotto. Come quello che faceva sua mamma. O magari più moderno. Di sicuro morbido, con il pesce o con i crostacei. "Magari due vongoline. Perché anche nei risotti si può cercare la perfezione e perché la tradizione evolve. Meno burro, ma più olio d’oliva, ad esempio". A Paolo Grandi, 77 anni, però, non dovete chiedere di consigliarvi un ristorante. "Non è il mio ruolo - racconta -. Non lo faccio… Io sono un socio-gastronomo e mi occupo di abbinare cultura e gastronomia". Come quando, era il 1992, con un gruppo di ricercatori, a Riva del Garda fu tra gli scopritori di un manoscritto inedito del tardo Quattrocento, che conteneva le ricette di Mastro Martino De Rubeis, cuoco bleniese al servizio della corte di Milano, prima, e a Roma, poi.
Nel mondo della gastronomia, Grandi entra all’inizio degli anni Settanta, quando conosce Alberto Dell’Acqua, ma è un viaggio nel 1976 alla scoperta dei grandi "crus" di Francia che la passione sboccia in modo definitivo. "Fu un’esperienza straordinaria, perché toccammo con mano quel mondo fino ad allora riservato a pochi - ricorda -. Assaggiammo i grandi vini attinti direttamente dalle botti. Non fummo solo ricevuti, ma introdotti in quel mondo".  Un’esperienza che prosegue poi con la Compagnia italiana grandi alberghi e che sfocia, alla metà degli anni Ottanta, nell’Accademia italiana della Cucina, dove ancora oggi ricopre il ruolo di delegato. "Tra gli elementi centrali del nostro lavoro all’Accademia c’è senza dubbio la valorizzazione dei prodotti del territorio - spiega -. Anche i grandi cuochi basano la loro maestria su concetti come identità e tradizione. A cui poi aggiungono la loro componente, ossia l’intuizione. Bottura e Cannavacciuolo parlano spesso di questo aspetto. Cercano prodotti del territorio, magari anche partendo per i loro piatti dalle ricette della nonna".
Quello della riscoperta del legame profondo tra territorio e gastronomia è certamente uno dei temi forti nella carriera di Paolo Grandi, diventato Cavaliere della Repubblica italiana per il suo lavoro di divulgazione della cultura gastronomica italiana nel mondo. "Quando sono arrivato in Ticino all’inizio degli anni Settanta, per me era un territorio sconosciuto - dice -. Ma da subito ho apprezzato la qualità delle specialità gastronomiche, anche se mi sorprendeva mangiare il brasato con le tagliatelle. Nel lavoro dei cuochi, però, c’era molta svizzeritudine, frutto della loro formazione nei grandi alberghi, come lo Schweizerhof di Berna. Erano maestri nel trattare i tagli di carne più prestigiosi, fenomenali negli arrosti. Oggi questa tradizione è andata un po’ perduta e credo che per certi versi sia anche un peccato. Le contaminazioni hanno regalato al Ticino anche picchi nella gastronomia, con grandi chef capaci di rinnovare il legame con territorio e tradizione. Ma ha anche portato altro. Proporre solo spaghetti alle vongole non ha senso alcuno. Bisogna offrire la svizzeritudine ai clienti italiani e un po’ di italianità ai tedeschi e agli ospiti di altri Paesi. Senza però dimenticare l’amalgama tra questi concetti e la riscoperta dei grandi piatti. Come arrosti e stracotti, magari attingendo proprio dalle ricette di Mastro Martino".
Per Paolo Grandi, poi, la gastronomia è anche forma. Dice di non amare molto, ad esempio, lo street food. "Gastronomia non è solo sedersi a tavola e mangiare. O, peggio ancora, mangiare in piedi, come i cavalli - osserva ridendo -. No, a tavola si cercano emozioni, perché la gente, oggi, non ha fame. Ambiente e servizio, insomma, contano. Contano eccome". Ma non si può concludere la chiacchierata senza chiedere a Grandi un "coup de coeur" in cucina. "La faraona - risponde senza esitare -. Ripiena. Col foie gras dentro. Ma io sono costantemente a dieta…" mschira@caffe.ch
Q@MassimoSchira
28.05.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano