Pierluigi Tami
Immagini articolo
"Il vero lusso?
Il mare d'inverno"
MAURO SPIGNESI


Difficile immaginarlo lontano dalla panchina, dalla sfera di cuoio, dall’odore del prato verde. Eppure c’è un Pierluigi Tami, nuovo allenatore del Lugano dopo quasi due stagioni alla guida del Grasshopper, che ama leggere biografie, andare nel suo rustico in montagna e al mare d’inverno, giocare a golf, stare in famiglia. Un uomo, un professionista che a 56 anni se si volta indietro può ben dire di aver vissuto. E di aver vissuto non solo di calcio, che pure gli ha dato lavoro e successi. "Chi fa l’allenatore - racconta Tami - non lo fa solo per mestiere, lo fa per passione. E la passione ti spinge a parlare, a pensare, a programmare le tue giornate in funzione del lavoro. Non hai soste. Pensi alle trasferte che vanno preparate bene con alberghi, campi per gli allenamenti, orari da rispettare, diete e menù per sportivi. Fare l’allenatore è totalizzante, bisogna strappare i momenti liberi con i denti, oppure ritagliarseli con molto anticipo altrimenti non ci riesci. Invece ci devi riuscire perché la tua famiglia ha bisogno di te e tu hai bisogno di loro".
Tre figli, Mattia di 33 anni, Alessandro di 29 e Nicole di 13. Pier Tami per loro c’è sempre. Sempre e comunque. "Nicole - racconta - era triste quando con la famiglia ci siamo traferiti a Zurigo ed è triste ora che torniamo in Ticino. Ma è la vita". Mattia, invece, ha uno studio di architettura e tempo fa ha scelto di fare l’allenatore. Ha cominciato con il Minusio. Dal basso, come ha fatto il papà che è partito da Gordola come calciatore per ricominciare da Gordola come primo incarico da allenatore. Pier quando Mattia gli ha detto che voleva iniziare questa carriera lo ha incoraggiato e ancora oggi, anche con poche, discrete parole, si sente che è orgoglioso del figlio. "Alessandro, che è ingegnere, invece lavora nell’azienda di consulenza e fornitura energetica che ho fondato anni fa e che quando ho deciso di fare l’allenatore professionista ho lasciato, ma dopo una fusione con la società di mio fratello che ha garantito senza traumi il futuro dell’attività".
Già, quando nel 1994 Pier Tami si è ritirato dal calcio giocato, ha iniziato a chiedersi cosa fare da grande. Perché alla vita lontano da un campo di pallone non ci aveva mai pensato. E allora ha sfruttato il suo diploma di disegnatore di impianti sanitari e ha iniziato a frequentare i corsi della Supsi come consulente energetico. Così ha aperto appunto una sua azienda a Lugano che in pochi anni è arrivata ad avere 18 dipendenti. "Ormai - dice - ci vado solo per le riunioni del consiglio d’amministrazione, il mio mondo da tempo è da un’altra parte".
Il suo mondo di oggi, dopo aver giocato nelle principali formazioni ticinesi e avere vinto la Coppa Svizzera nel 1993, è iniziato con il primo ingaggio come semiprofessionista a Lugano. Poi è arrivata la nazionale rossocrociata e con Kobi Kuhn è stato il primo analista video, un ruolo per quegli anni d’avanguardia che solo poche nazionali avevano. In panchina, i successi con l’under 21, le Olimpiadi, e il premio di allenatore dell’anno nel 2011. Una corsa continua, tra un pullman e uno spogliatoio, tra un campo di calcio e una riunione in federazione. "Per questo appena posso cerco di staccare, prendendomi qualche giorno, dimenticando il cellulare. Quando sono in vacanza riesco anche a leggere i libri che compro e metto da parte perché devo studiare schemi, avversari, strategie e il tempo non c’è mai. Leggo soprattutto autobiografie, mi affascinano le storie di vita. Ho provato anche con i gialli e i romanzi, ma non mi hanno mai conquistato".
Ma vacanze per Pier Tami è soprattutto l’idea del Ticino. "D’estate non mi sposto mai. Ho un rustico in montagna e vado lì a riposare. Oppure prendo l’auto e mi muovo. A me stare fermo non piace, sono curioso, voglio visitare, vedere. Il mare? Mi piace d’inverno, quando c’è la sosta mi concedo sempre un viaggio nei Paesi dove c’è l’estate".
18.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch