Giorgio Mombelli
Immagini articolo
"La medicina oggi
è dei burocrati"
PATRIZIA GUENZI


Il fuoco sacro della missione non l’ha mai avuto. È diventato medico per puro caso, Giorgio Mombelli, 74 anni, per oltre due decenni primario di medicina dell’ospedale La Carità di Locarno, dove sino a due anni fa era consulente in malattie infettive e oggi, in un piccolo ufficio al terzo piano, visita ancora qualche "vecchio" paziente o si occupa di casi particolarmente complicati. "Sono fatalista, non cerco le cose, è come se gli eventi mi venissero incontro - dice -. Ricordo ancora quell’estate, avevo superato la maturità ed ero felice di non avere più impegni. Non mi ero ancora iscritto a nessuna facoltà. Poi un mio compagno di scuola scelse medicina e io feci altrettanto. In realtà ero più portato per le scienze umanistiche, lettere, pittura, suonavo un po’ il violino...". Poi la passione arrivò, ma oggi, voltandosi indietro, Mombelli sconsolato osserva: "La medicina è in mano ai burocrati, si parla più di soldi che di pazienti. Tornassi indietro, forse opterei per la ricerca".
All’epoca, con la laurea in tasca, Mombelli svolse la sua formazione e la specializzazione in malattie infettive in diversi ospedali, in Svizzera e all’estero. Nel 1983 tornò in Ticino e venne assunto alla Carità di Locarno. "In quegli anni ho vissuto in prima linea la tragedia dell’Aids - ricorda -. È stata la mia esperienza umana più profonda e irripetibile. Era straziante, tantissimi giovani tossicodipendenti, 25 anni o poco più, che morivano. E noi non sapevamo cosa fare, non c’era ancora una cura".
Sguardo severo, una corona di capelli bianchi in testa, difficile immaginare il dottor Mombelli senza il camice bianco. Ancora meno fare il tifo davanti alla tv per Federer. "Sono un suo fan - confida -. Di lui mi appassiona soprattuto la gestualità, il rituale della sfida, con Djokovic ad esempio. Anch’io ho giocato a tennis anni fa, da giovane invece a calcio, in terza e quarta divisione. Ma il calcio visto in televisione non mi prende come il tennis".
Sposato, due figli, uno medico l’altro chimico, adora i gatti rossi, il cinema di Fellini e Antonioni, l’isola del Giglio e il vecchio rustico in Vallemaggia dove già andava da piccolo. In passato, qualche viaggio all’estero per piacere, molti altri per congressi, e oggi preferisce rilassarsi solo con la lettura. "Amo la letteratura italiana del secolo scorso, i classici e rileggo ancora volentieri autori come Pavese, Kafka, Joyce, Proust, Hemingway, Svevo. Sono piuttosto selettivo, tra i contemporanei ce n’è di quelli che hanno sostanza, ma molti sono soltanto un buon intrattenimento. E li butto. Da un po’ faccio così, altrimenti non so più dove metterli".
Impossibile incontrare il dottor Mombelli e non accennare alla Pianificazione ospedaliera, tuttora ai box di partenza dopo la bocciatura dei cittadini su un’eventuale alleanza tra pubblico e privato. Reduce dalla vittoria dell’iniziativa popolare "Per la qualità e la sicurezza delle cure ospedaliere", di cui è stato uno dei principali "trascinatori", per il futuro Mombelli pensa ad un ospedale multisito. "È una soluzione che funziona molto bene. Poi, nel lungo termine è probabile che si andrà verso un ospedale cantonale. Noi medici per primi dobbiamo essere pronti a cambiare, essere flessibili. Mai dire mai. Quello che oggi sembra irrealizzabile, domani potrebbe diventare realtà".
Libero docente all’Università di Berna, Mombelli adora insegnare. "Tra i miei pochi talenti ho la capacità di entusiasmare, di trascinare, per cui serve l’autorevolezza della conoscenza". Un terzo dei medici attivi nel Locarnese ha fatto la formazione con lui. E se oggi le giovani leve sono "motivate e brave - conclude -, sono però soffocate dai compiti amministrativi. Anche per questo il nostro lavoro è diventato meno interessante". pguenzi@caffe.ch
Q@PatriziaGuenzi
13.08.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel