Franco Pessina
Immagini articolo
"Il mio lavoro oggi
è il mio passatempo"
MASSIMO SCHIRA


Il lungo lavoro di restauro della Cattedrale di San Lorenzo a Lugano è stato una sorta di "premio alla carriera" per Franco Pessina. Una tappa fondamentale in un percorso iniziato 64 anni fa, quando aprì il suo studio di architettura dopo una formazione da disegnatore edile a Bellinzona. Sette anni vissuti intensamente dall’84enne professionista luganese. "Bella, vero?!", chiede riferendosi a quella che, ormai, può essere considerata una sorta di "sua creatura" nonostante porti sulle spalle secoli di storia e di testimonianze artistiche. "Per me questi anni di lavori alla Cattedrale sono stati una sorta di palestra - racconta ridendo -. Il mio studio è a poca distanza dal cantiere e ho continuato a fare su e giù per almeno tre volte al giorno. Ho fatto ginnastica. Mi ha fatto bene alla salute. Per me il lavoro, oggi, è il migliore passatempo".
Docente incaricato al Politecnico federale di Zurigo e all’Università di Nancy, in Francia, nella prima metà degli anni Ottanta, Pessina ha diretto in carriera cantieri importanti. Sia in Ticino, sia nel resto del Paese. Come, era il 2001, la terza fase di ampliamento proprio del Politecnico zurighese, con la costruzione dei dipartimenti di chimica e scienze dei materiali sull’Hönggerberg. "Insegnando in quelle accademie ho riempito per certi versi i ‘buchi’ lasciati aperti dalla mia attività professionale - ricorda -. A Nancy ho passato solo sei mesi, ma è stata un’ottima esperienza". Dopo la "fase" dell’insegnamento, conclusa nel 1996 al termine di un decennio alla scuola tecnica superiore del canton Ticino a Lugano, Pessina torna alla progettazione vera e propria. Che lo porterà, esattamente vent’anni dopo, a far rifiorire la più importante tra le chiese in riva al Ceresio. "Sono molto soddisfatto del risultato - osserva -. Ma lo dico senza alcuna boria, sia chiaro. Questo è il risultato prima di tutto della professionalità di tutte le persone che in Cattedrale hanno lavorato. La cura degli aspetti estetici è stata grande. Ho incominciato nel 2004 a studiare punto per punto l’introduzione di nuovi elementi che non fossero riconoscibili. Vorrei che il visitatore dicesse: ‘È sempre stato così’. Senza artifizio, né trucco".
Il percorso che ha portato al completamento dei lavori, comunque, è stato lungo e con molti ostacoli. "Ci sono stati in effetti parecchi ricorsi - ricorda l’architetto -, che ci hanno rallentato e fatto durare l’opera di restauro parecchio a lungo. Alcuni dettagli sono addirittura ancora in fase di completamento. È stato un cantiere piuttosto complesso nel suo insieme. Soprattutto per quanto concerne la protezione dello stabile dalle infiltrazioni d’acqua. Sotto tutta la Cattedrale scorre acqua in continuazione. Tutti i giorni. L’intervento per evitare che questo arrecasse danno all’edificio sono stati complicati. Parecchio complicati".
Ad 84 anni, comunque, l’architetto Pessina non ha alcuna voglia di "deporre la matita". Anzi. Continua a guardare alla sua Lugano con l’occhio critico di chi vorrebbe ulteriori novità. Altri cambiamenti urbanistici. "Ho diverse idee in testa - conferma -. Ma la principale riguarda l’autosilo di via Balestra. Vorrei che fossero aggiunti cinque piani in altezza. Per aumentarne la capacità, certo, ma anche per creare uno spazio per i luganesi sul tetto. Via Nassa, oggi, non è più il luogo prediletto dei cittadini di Lugano. È ormai obsoleta con tutti quei grandi marchi. Vorrei una nuova zona d’incontro sorprendente, con una vista imperdibile a 360 gradi. Sto cercando i finanziatori. La città che vedo, comunque, si sta allargando. Penso al quartiere di Cornaredo, una zona molto interessante che grazie ai lavori di riqualifica si sta trasformando da periferia a zona urbana. Una zona che si completerà con le nuove infrastrutture sportive, che tolgono spazi, ma che sono importanti".

mschira@caffe.ch
15.10.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe