Pierbattista Pizzaballa
Immagini articolo
"L'indignazione serve
a combattere il male"
GIUSEPPE ZOIS


Dopo 25 anni nel Medio Oriente, dove s’era subito distinto per la capacità di mediazione e l’equilibrio, Pierbattista Pizzaballa, a soli 50 anni si è ritrovato con la nomina ad arcivescovo e un biglietto aereo di ritorno a Gerusalemme. Papa Francesco lo ha voluto amministratore apostolico di questa diocesi, con cattedra in una città che è crocevia di storia, religioni, popoli, appartenenze, sensibilità. Pizzaballa ha una granitica certezza: "I rapporti si costruiscono con l’autorevolezza, non con il dominio, neppure nel campo spirituale". Del resto non è un caso se a 38 anni - oggi ne ha 52 - si era già ritrovato con la pesante responsabilità di Custode di Terra Santa, alla guida dell’estesa ed eterogenea Provincia francescana. Ostinato seminatore di speranza e di ottimismo, traghettatore di una Chiesa non più solo araba, Pizzaballa è realista: "Sì, oggi è ancora più difficile vedere una luce, anche tenue, in fondo al tunnel. Il virus del fondamentalismo ci ha messo anni e generazioni per crescere, espandersi e radicalizzarsi: non sparirà a comando. Una generazione rovinata da questa impronta, così fortemente negativa, non si dissolve di colpo, all’improvviso. Non è perché il principe ereditario dell’Arabia Saudita ha deciso di aprire l’Islam che questo diventerà in automatico più moderno".
Un muraglione alto, lungo e cupo, voluto da Tel Aviv, divide in due la terra di Dio, Israele dalla Palestina: "Il muro è un po’ l’immagine di quel che avviene qui nei rapporti umani. Noi però dobbiamo imporci di continuare a costruire ponti. Li faremo un po’ più alti e passeremo sopra questo muro. Non possiamo rassegnarci a logiche divisorie, in conseguenza delle quali alcuni esistono e altri no. Ecco la sfida che attende gli uomini di buona volontà: studiare gli altri, metterli nelle nostre  prospettive. Dobbiamo promuovere tutto ciò che unisce; dobbiamo combattere la povertà e l’ingiustizia, offrendo una testimonianza continua e coerente di misericordia". Se si domanda al vescovo di Gerusalemme che cosa possono fare l’Occidente e i cristiani d’Europa per aiutare i cristiani d’Israele e del Medio Oriente, lui non lascia finire la frase: "Credo che l’Europa debba aiutare i cristiani, ma non solo i cristiani, favorendo lo sviluppo complessivo di questi popoli, sostenendoli nella ricostruzione, a partire dal fondamentale riconoscimento dei diritti umani. Sul piano internazionale la sensibilizzazione delle coscienze è andata avanti, ma a livello di istituzioni politiche, ben poco. Purtroppo quello che si vede oggi è il contrario di ciò che si vorrebbe. Guai però se cedessimo alla tentazione dello sconforto. La nostra prima speranza è Cristo risorto, la nostra liberazione è data dalla lapide rovesciata del sepolcro. Quando hai qualcosa di grande dentro, sai che la realizzerai nel tempo". Qualche volta si è tentati, però, anche dall’indignazione per come vanno le cose: "Certo, di fronte al male non puoi fare discorsi imbottiti di slogan e parole generiche: ti devi indignare. Si tratta però di uno stato d’animo che non deve germinare rabbia, ma determinazione a fare. Il nostro peccato più devastante è la disperazione, l’ideologia. La disperazione significa che tu non hai più voglia di fare, sei un disfattista, portato a veder male ovunque e contribuisci a distruggere invece di unire. L’ideologia ti allontana da una visione di fede, perché è al servizio solo di qualcosa di umano che ti abbassa e restringe l’orizzonte invece di allargarlo. La pace esige di essere uniti, non ci si salva da soli".
È avvolto di fiducia nel futuro l’augurio natalizio di Pizzaballa per i lettori del Caffè: "Dio s’è fatto piccolo. Non abbiamo paura di farci piccoli a nostra volta. Piccolo non significa soltanto minoranza: piccolo è anche il seme di senape, che poi diventa una grande pianta. Proviamo ad accogliere questa piccolezza come un dono grande, coscienti di avere dentro il nostro cuore qualcosa di immenso".
17.12.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento