Carla Speziali
Immagini articolo
"Per la politica
non ho rimpianti"
LIBERO D'AGOSTINO


Nessun rimpianto. Nessuna nostalgia. Alla vita politica Carla Speziali ha già dato abbastanza. Per undici anni sindaco di Locarno, la prima donna a guidare il municipio, nel 2005 ha vinto lo Swiss Award per la politica, dal 2012 al 2016 è stata vicepresidente nazionale del Plr e oggi fa parte della Commissione federale di vigilanza sui casinò. Nel giugno 2015 ha lasciato anticipatamente la sua poltrona a Palazzo Marcacci. "Per me la politica è stata un’importante scuola di vita - dice -. Dopo gli anni di studio e lavoro oltre Gottardo, mi ha dato la grande opportunità di dedicarmi con tutta me stessa alla mia città".
Oggi, a 57 anni, Carla Speziali fa l’avvocato a tempo pieno nel suo studio legale specializzato in contrattualistica e responsabilità medica: "No, non ho nostalgia della politica. Io l’ho sempre concepita come una possibilità di essere utile alla mia gente, ora questo spirito di servizio e questa funzione sociale li ho ritrovati nel mio lavoro". Se guarda indietro, le soddisfazioni non le mancano. Ha risanato le finanze della città che erano da anni in rosso, al punto che Locarno era ritenuta la "Cenerentola" di una regione e guardata dagli altri Comuni come una parente nobile ma decaduta. Bilanci in attivo, la miglior premessa per rilanciare le aggregazioni nel Locarnese, rimaste per troppo tempo bloccate da rivalità personali e da esasperati campanilismi. "Quello delle aggregazioni è un tema da riprendere, come del resto sta facendo l’attuale sindaco Alain Scherrer - osserva Speziali -. Il Locarnese è troppo frammentato, quanto fatto a Lugano e Bellinzona ci dovrebbe servire da insegnamento. La nostra regione ha ritrovato unità d’intenti per concretizzare alcuni grandi progetti come il nuovo Lido e il Palazzo del cinema, penso che sia un’ottima base di partenza per affrontare il tema dell’aggregazione".
Ed è stato il suo municipio a realizzare il nuovo Lido e a pedonalizzare Piazza Grande per farne  il centro dei grandi eventi estivi, affiancando alla fama internazionale del Festival del film il successo dei concerti di Moon&Stars. Ma è soprattutto grazie alla sua tenacia che è stata realizzata un’opera attesa da almeno vent’anni, il Palazzo del cinema di cui oggi è presidente. "È stato un lavoro lungo e in alcuni momenti difficile - racconta -. Ma non ho mai avuto il dubbio che non ce l’avremmo fatta. Supportare il Festival del film con questa importante struttura era un obiettivo per tutto il Locarnese. Provvidenziale è stata la donazione di dieci milioni della Fondazione Stella Chiara di Martin Hellstern. Oggi il Palazzo del cinema è il simbolo di una città che ha ritrovato il suo slancio, ecco è questa la mia più grande soddisfazione". Tra i suoi ricordi più belli ci sono, invece, i discorsi del primo dell’anno in Piazza Grande: "Si sentiva il calore della gente, al di là di ogni ufficialità era come un abbraccio". La signora sindaco, come preferiva farsi chiamare, invece che sindachessa o sindaca, rifuggendo dal politicamente corretto del genere, nel 2004 ha guidato anche un municipio al femminile: quattro donne su sette municipali. Un caso eccezionale non solo in Ticino, ma in tutta la Svizzera. "Quattro donne municipali e di quattro partiti diversi - ricorda -, accomunate però da un pragmatismo tipicamente femminile che ci ha permesso di lavorare molto bene. È stato in quel periodo che abbiamo gettato le basi per risanare le finanze di Locarno".
In undici anni da sindaco, un solo neo, "appaltopoli", le commesse pubbliche assegnate dal municipio senza concorso, che portò addirittura ad un blitz della polizia a Palazzo Marcacci. Robetta se si pensa al fragore dello scandalo Argo1 che sta scuotendo tutt’ora il Palazzo del governo a Bellinzona. "L’unico rimprovero che posso farmi per quella vicenda - dice - è di non aver intuito tempestivamente che ero diventata il bersaglio di contrapposti interessi politici, che si voleva attaccare me per colpire una leadership riconosciuta e consolidata".
14.01.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin