Andrea Pagani
Immagini articolo
"Davanti alla verità
il magistrato è solo"
MAURO SPIGNESI


Le immagini del momento forse più difficile della sua carriera certe notti gli scorrono ancora davanti. "C’era un bambino in fin di vita. E non si capiva chi l’avesse ridotto così. Alla fine dell’interrogatorio, ricordo che era quasi mezzanotte, ho dovuto arrestare i genitori. È stato un dramma nel dramma. In quei momenti devi essere freddo, perché sei un uomo di Stato e hai il dovere di applicare la legge, di cercare la verità, ma dentro di te provi un groviglio di emozioni e, soprattutto, ti senti profondamente solo con la tua coscienza". E la solitudine Andrea Pagani, 47 anni, sposato e senza figli, appena eletto procuratore generale dal Gran Consiglio in sostituzione di John Noseda, l’ha sentita anche in queste settimane di polemiche politiche. "Il periodo che va da maggio dell’anno scorso, quando ho presentato la candidatura, sino a metà febbraio, è stato piuttosto logorante. Ho deciso di candidarmi - racconta - dopo le sollecitazioni ricevute all’interno dell’ufficio, l’incoraggiamento di alcuni avvocati e magistrati di altri ordini. Siccome ero il più giovane della rosa in corsa avevo inizialmente una sorta di timore reverenziale nei confronti di colleghi più anziani. Alla fine ho pensato di provare, tanto mi sarebbe costato - lo dico con una battuta - sei franchi di raccomandata".
Pagani, che ha trascorso 15 anni lontano dai riflettori, in questi mesi si è sentito sotto una lente d’ingrandimento. "Ma ho cercato di lavorare tranquillamente dando il meglio". Un breve praticantato come legale e poi la decisione di passare dall’altra parte della barricata. "Sì, perché da avvocato non mi sentivo a mio agio. Mi piaceva molto cercare la verità degli atti, e in quegli anni la magistratura stava cambiando, era stata introdotta la figura del sostituto procuratore. Avevo 32 anni quando sono entrato al Ministero pubblico". Prima a seguire reati di polizia, poi quelli finanziari. "All’inizio come in tutte le professioni non è facile, sono stato in ufficio da mattina a sera per imparare bene il mestiere. Anche quando ti senti sicuro basta un dettaglio e tutto cambia. Ricordo il caso di un imputato reo confesso di omicidio intenzionale. Era un processo chiuso, si trattava solo di stabilire la pena. Una volta in aula l’uomo ha ritrattato, ammettendo la sua responsabilità ma sostenendo davanti al giudice che non voleva uccidere, che si trattava di omicidio colposo. In quei casi ti viene un colpo allo stomaco. Devi restare freddo, se ci credi devi riuscire a dimostrare che la prima versione dell’imputato è quella vera. Alla fine andò bene. Ma in aula il senso di solitudine che prova il magistrato è totale".
Oggi per molti avvocati la magistratura è meno attrattiva. "No, non è così. Certo, bisogna saper reggere lo stress, conviverci. Ma negli ultimi tempi chi è andato via lo ha fatto perché probabilmente si è reso conto che non era nel posto giusto. Il nostro salario, poi, è super decoroso. Diverso il discorso di chi ha lasciato 15 anni fa, anni d’oro dell’economia, richiamato dalla professione di legale più remunerativa".  
Come sarà la giornata del primo luglio, quando diventerà ufficialmente procuratore generale? "Vorrei fare squadra, riorganizzare il lavoro. Abbiamo davanti la sfida della piattaforma informatica per lo scambio interno di informazioni che è molto importante. Vorrei rinnovare, mettere insieme l’Equipe finanziaria del Ministero pubblico (Efin) e la Sezione reati economici della Polizia cantonale (Ref). Truffe, raggiri, malversazioni, sono un emergenza e avvengono in maniera sempre più raffinata. Per ripercorrere la strada dei soldi devi spingerti lontano. E le rogatorie vanno bene in Europa, ma se ti sposti altrove sono guai. Ne ricordo una con Dubai. Inviai la richiesta in inglese, mi risposero che la volevano in arabo. Trovai un traduttore e poi la firmai fidandomi di lui con un briciolo di timore: non potevo verificare cosa avesse davvero scritto". mspignesi@caffe.ch
25.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento