Joël Dicker
Immagini articolo
'Sono riuscito a uscire
da quel buco nero'
FRANCESCO ANFOSSI


on è un giallo e nemmeno un poliziesco l’ultimo romanzo di Joël Dicker, autore del best seller La verità sul caso Harry Quebert, tradotto in 33 lingue e vincitore di numerosi premi letterari internazionali. E allora cos’è? La trama de La scomparsa di Stephanie Mailer è molto semplice. Quattro omicidi, la sparizione di una giornalista e due poliziotti che indagano. "Ma l’indagine non è la spina dorsale di questo libro", osserva Dicker. E infatti ci sono 30 personaggi che entrano in scena con il loro vissuto, le loro introspezioni, in questa cittadina, Orphea, nello Stato di New York, che sembra ideale per i quadri di Edward Hopper. "C’è persino chi mi ha rimproverato, in una presentazione che ho appena fatto in Francia, un personaggio che non serve assolutamente a nulla ai fini dell’indagine - racconta l’autore -. E c’è anche chi mi accusa di scrivere più pagine per vendere il libro a un prezzo maggiore". Insomma non si tratta di un giallo "perché va oltre l’inchiesta. È il mio punto di vista".
In effetti il libro di questo narratore 33enne è un tomo di settecento pagine ancora più grosso della Verità sul caso Harry Quebert. Ma come quest’ultimo, si divora pagina dopo pagina senza mai fermarsi. Incontriamo l’autore a Milano, in una libreria nel cuore della metropoli, per la presentazione della sua ultima fatica ("in questa città, ogni due anni, ritrovo tutte le mie abitudini"). Dicker ha un modo di vestire sciatto, da scrittore americano della beat generation, anche se è ginevrino. Giacca verde scuro, camicia, jeans e scarpe da tennis, barba di un paio di giorni. Qualche vanità di gel per ondulare i capelli. Dicker a lavoro concluso si diverte molto a parlare con i lettori, "dopo che ho impiegato tre anni a scriverlo, senza interagire con nessuno"). Se gli dici che è un autore di successo si schernisce: "Sono molti di più i romanzi, cinque, rifiutati che quelli che mi hanno pubblicato, finora, che sono quattro", dice. Romanzi uno diverso dall’altro. "Non cerco mai di andare incontro ai gusti del lettore. Mi baso sul piacere di quello che faccio. E che nessuno mi potrà togliere".
Poi però si affretta ad aggiungere: "A me interessa che le mie opere siano condivise. Chi può dire che non trova piacere nell’essere compreso? La comprensione è fonte di gratificazione. Proprio per la forza della condivisione.
La domanda fondamentale di tutti i personaggi di questo libro sembra tratta da Cechov del "Giardino dei ciliegi": Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? Oggi attraverso i social tendiamo a mostrarci per quello che non siamo. Chi siamo dunque? "La risposta? Quella di accettarsi per quello che siamo. Ecco perché il mio è un romanzo introspettivo. Tutti i miei personaggi si chiedono: io sto bene lì dove sono? Lo aveva già detto Seneca: anche se uno si sposta i suoi problemi se li porta dietro. Quindi l’unica via possibile è fermarsi un attimo e chiedersi chi siamo. Si pongono questo problema i personaggi del mio ultimo romanzo, ambientato in un luogo lontano da me. Perché prendere le distanze spaziali, ambientarlo negli Stati Uniti, mi è servito anche a prendere le distanze da me stesso, che vivo nel verde di Ginevra. Ogni personaggio di questo libro passa una notte buia per ritrovarsi. Anche io ho avuto la mia notte buia, come un buco nero della mia esistenza. Ma sono riuscito a conviverci".
19.08.2018


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00