Paolo Bonolis
Immagini articolo
"Il successo se c'è
ti insaporisce la vita"
ALESSANDRA COMAZZI


Paolo Bonolis è sempre lui, mai legato a una bandiera: 57 anni, ha cambiato casacca varie volte, un po’ alla Rai un po’ a Mediaset. Come chiunque sia dotato di personalità forte, è in grado di suscitare calde simpatie e pure l’opposto. Non è uno che sta continuamente in video, ma quando c’è, spesso con la fidata spalla Luca Laurenti, c’è, e non si risparmia, che conduca i suoi Darwin o Peter Pan o l’amato Senso della vita o il Festival di Sanremo o Domenica in o un gioco come Avanti un altro, che riprenderà in autunno su Canale 5. Del successo dice: "È una circostanza della vita che può capitare o meno. Torna utile se lo sai dosare nella maniera giusta, se non cadi in un’idolatria pagana, se non pensi di essere Gesù Cristo che è tornato sulla terra e vuole camminare sulle acque. Non te lo regala nessuno ma può capitare, e se lo sai calibrare bene, te la insaporisce, la vita. In qualche modo te la facilita anche".
Come tanti conduttori della sua generazione, come Chiambretti, Clerici, D’Urso, Fazio, Frizzi, aveva cominciato con la tv dei ragazzi, grande palestra di lavoro e di vita. Ricorda il suo Bim Bum Bam: "Ebbe un successo pazzesco - racconta -. È stato l’acceleratore che ha fatto partire tutto. In quegli anni ho imparato a calibrarmi nel mondo del lavoro, a rispettare i ruoli, a capire a cosa servissero molte professionalità. Mi ha permesso di sviluppare gli anticorpi che poi, se non li hai, quando arriva il successo, all’improvviso sbarelli".
Bonolis ha sempre attribuito grande importanza alla famiglia. Ha cinque figli - due da un precedente matrimonio - e dice della moglie Sonia Bruganelli, sposata 16 anni fa: "Sonia è una donna meravigliosa con la quale ho condiviso tantissimo: gioie e difficoltà. Siamo profondamente differenti l’uno dall’altro. Sonia è un universo completamente opposto al mio però abbiamo fatto tre figli, abbiamo costruito una famiglia e tendiamo a difenderla e a irrobustirla giorno dopo giorno. La sua vivacità mentale è qualcosa che, forse, va anche oltre la sua bellezza".
Se il grande successo è arrivato con Bim Bum Bam e con i quiz, Bonolis è molto legato a un programma di introspezione, Il senso della vita, di cui ha parlato con Maurizio Costanzo in una recente intervista su Canale 5. Sostiene Bonolis: "Ho accumulato tante di quelle domande nella vita che mi piaceva porle a chi poteva darmi risposte. Inoltre amo le interviste impegnative in un contesto spiazzante, Donato Bilancia dal carcere per Domenica in. E da Sanremo, Mike Tyson". Una persona cui avrebbe fatto volentieri delle domande era Alberto Sordi, per il quale il conduttore aveva, e ha, una ammirazione grandissima: "Sordi è la coscienza di Roma. Lo era da vivo e lo è tuttora. Durante il programma per festeggiare i vent’anni di Canale 5, disse questa cosa bellissima a Mike: "La vecchiaia è ‘na brutta bestia: a chi gli pija alle gambe e a chi alla testa". E a proposito di Bongiorno, Bonolis aggiunge: "Mike è la televisione degli affari, della cura del guadagno: è la televisione tecnologica. Mentre Corrado è la televisione della gente e Raimondo Vianello la televisione dell’impossibile". Da notare come i parametri siano sempre i grandi, vecchi conduttori, non avendo più la tv avuto il coraggio di investire sui giovani, come rileva pure Chiambretti.
Per dire la persona: una volta, al Salone del libro di Torino, Bonolis arrivò, nello stand Rai, mentre stava lavorando a Mediaset, solo per presentare un libro: "Era di una suora bosniaca amica mia - ricorda - suor Stella Okatar". Quel suo linguaggio ("con le vostre falangi frementi, votate") è così vistosamente sproporzionato al mezzo, che non solo si è ormai consolidato in un personalissimo stile, ma si conferma anche quale palestra per i milioni di spettatori che lo seguono: una sorta di Maestro Manzi della tv contemporanea.
30.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento