Gardi Hutter
Immagini articolo
"Sono una ribelle e...
scherzo sulla morte"
ANDREA BERTAGNI


Ha 26 scatoloni pieni di interviste. Perché Gardi Hutter non è solo una clown, la più celebre in Svizzera. È prima di tutto un’artista. Che incuriosisce e affascina. Ma soprattutto fa ridere. Non facile. "La risata è un’invenzione geniale - dice - ti fa vivere meglio, perché in fondo ti fa fare pace con quello che non possiamo cambiare, come la morte, che è una grande offesa al nostro narcisismo". Scherzare sulla morte è dunque possibile. Quasi un dovere per un comico. "Noi possiamo dire cose crudeli - riprende -. Del resto per i miei spettacoli prendo sempe spunto dalla realtà. Faccio parte di questa società e mi interessa rappresentarla. Non sono come quegli artisti che la rifuggono". Anche a 66 anni. Un’età che spesso significa andare in pensione. Non per Gardi Hutter. "In effetti sarei una pensionata, ma perché dovrei smettere? Perché dovrei rinunciare a fare quello che faccio solo perché ho 66 anni?".
Comica e ribelle. Gardi Hutter è anche questo. Da sempre. "Anche da bambina mi ribellavo, volevo fare tutto quello che era proibito - ricorda -. Anche fare l’artista, negli Anni ’70, quando ho iniziato io, era considerato fuori dagli schemi. Oggi è diverso, oggi è quasi ‘cool’". Altri tempi, insomma. Tempi in cui studiare all’Accademia di Arte drammatica a Zurigo, come ha fatto Hutter, era considerato stravagante. Anche in famiglia. "In verità non erano contrari, anche se mi avrebbero visto più volentieri come casalinga e mamma", commenta.
Dopo l’Accademia, Hutter prima segue un corso di clown a Roma, poi a Milano. "Una città che ha rappresentato la mia culla artistica", dice. Prima però fa anche l’attrice. "Ma non ero contenta, non volevo solo recitare, ero alla ricerca di una forma artistica che potesse permettermi di reinventarmi in continuazione. Alla fine l’ho trovata. Dopo tre anni. Tre anni di ricerca anche interiore".
La passione per la sua professione per Gardi fa anche rima con ricerca sociale. Il desiderio di raccontare la realtà. E portarla sul palcoscenico. Un’aspirazione che nasce da lontano. "Quando studiavo a Zurigo ero interessata anche alla politica. Anzi, la mia idea era proprio quella di fare politica attiva. In parte l’ho fatta, ma poi ho smesso. Non c’era divertimento. Nel teatro ho invece trovato l’impegno sociale unito alla gioia di divertirsi". L’interesse per la "cosa pubblica" dunque non si è mai fermato. "Seguo ancora la politica, mi interessa. Mi informo. Seguo i problemi della società e li traduco in spettacoli".
Spettacoli come quello che andrà in scena il 7 dicembre al Lac di Lugano, "La sarta", dove Hutter fa i conti con il mondo, sforbiciandolo in mille racconti. Un talento quello del clown di Arzo, dove si è trasferita anni fa dopo aver studiato in Italia, riconosciuto di recente anche da quella stessa Accademia che l’ha formata. Che l’ha insignita dell’Honorary Companion, prestigioso premio alla carriera. D’altronde è dal 1981 che Hutter gira mezzo mondo con il suo teatro clownesco, raggiungendo a oggi 3.600 rappresentazioni in 35 Paesi.
Hutter recita ovunque: nei teatri stabili, nelle ex fabbriche, nei grandi palchi e nei centri culturali. Ovunque viene accolta con entusiasmo dal pubblico. Il motivo? La sua bravura, certo, "ma anche perché la gente vuole ridere". Sarà anche così. Ma servono comici che riescano a toccare le corde giuste. "Sono cresciuta in un ambiente cattolico dove però il carnevale, ad esempio, aveva la sua importanza. C’era dunque il sacro ma anche la risata. Ecco, la mia comicità arriva proprio da lì. Dall’unire il sacro al profano". abertagni@caffe.ch
27.10.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una legge razziale
a rischio per l'India
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

India:
il Gange
accoglie
i fedeli

Francia: a Parigi
si festeggia
il capodanno
lunare cinese

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00