Oskar Boldre
Immagini articolo
"Aiuto gli altri a...
liberare la voce"
ANDREA BERTAGNI


Ho scoperto la mia voce in montagna, cantando sotto gli alberi di castagno". Oskar Boldre, 51 anni, musicista e maestro di canto attivo da vent’anni in Ticino, non sta scherzando. "Lassù non c’era il rischio che qualcuno mi sentisse, così a poco a poco ho preso confidenza con le note musicali".
Fatta la scoperta, Boldre non si è più fermato. Ha fondato tre cori in Svizzera: "Goccia di voci", in Ticino, a Soletta e a Zurigo. E poi insegna, canta, dirige, compone e incide dischi. Instancabile. "Mi piace perché ho una propensione naturale ad aiutare le persone a scoprire cosa hanno dentro - spiega -. E liberare la voce, cantare in coro tocca corde molto profonde". Sì, perché Boldre fa dell’improvvisazione una delle sue prerogative. E dà appuntamento a tutti al Teatro dei Fauni di Locarno il prossimo 7 dicembre: chiunque potrà presentarsi e dare fiato alla propria voce. Anche se non ha mai cantato. O crede di essere stonato. "Circa un terzo delle persone che incontro ha questa convinzione - racconta -. In realtà è solo il due per cento della popolazione ad essere davvero stonato, tutti gli altri sono semplicemente vittime di un giudizio affrettato. Così, capita di sentire voci nuove che sbocciano ed è davvero molto commovente".  
Liberare il canto. Degli altri. Sembra essere questo l’obiettivo di Boldre. Che dopo un inizio da autodidatta e un trascorso nella scena musicale underground milanese degli Anni ‘80, a un certo punto capisce quale sarà il suo futuro. Dopo cinque anni trascorsi in montagna. A scoprire la voce sotto i castagni.
"In realtà il canto ha sempre fatto parte della mia vita - afferma -, mia mamma cantava in continuazione e mio papà ascoltava musica lirica". Ecco perché l’approccio di Boldre alla musica è sempre stato immediato, quasi fisico.
Non a caso anche il corpo e i movimenti giocano un ruolo importante. Quando cantano, i componenti dei suoi cori danzano anche. Come è successo a Lucca quest’estate. Boldre ha dato vita a un flash mob. "È stata davvero un’esperienza potente, c’erano cinquanta coristi, abbiamo cantato, ballato e coivolto il pubblico presente in modo del tutto spontaneo". Già, proprio la spontaneità e l’improvvisazione sono fondamentali per Boldre. "Gli improvvisatori sono come degli ambasciatori del suono - spiega il maestro -, creano ponti tra cultura e lingua, anche Bach e Mozart improvvisavano. È una via verso la libertà".
La voce come strumento, divertimento e improvvisazione, dunque. Per tutti. Anche per chi non sa leggere la musica. "Il mio coro è nato proprio per chi non sa leggere le note musicali. Ecco perché le partiture che utilizziamo sono un po’ particolari e diverse dalle altre: usiamo grafiche associate ai movimenti che dirigo. Un metodo che si rivela molto efficace. Inoltre lavoriamo molto con l’orecchio". Una tecnica che oltre a essere efficace, si è dimostrata anche arricchente e vincente. Infatti, del coro Goccia di voci fanno parte decine di persone dalle esperienze professionali tra le più disparate: dal meteorologo al pensionato, dal docente al giornalista.
Tutti hanno voglia di cantare e divertirsi. E Boldre li asseconda. E tutti ne traggono beneficio. "Più di una volta mi è capitato di assistere a episodi davvero emozionanti e toccanti - ricorda -, come quando una signora si è avvicinata in punta di piedi ai nostri ‘circle song’ sebbene quando aveva 7 anni qualcuno le aveva detto che era stonata. Ebbene, non lo era affatto. E averlo scoperto l’ha resa felice, perché ha potuto riprendere un filo interrotto per troppi anni". abertagni@caffe.ch
01.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00