Gianni Amelio
Immagini articolo
'Nei miei lavori ci metto
cuore e pure cervello'
ROSELINA SALEMI


È divertente sentire come Gianni Amelio racconta la genesi di Hammamet, il film che ripercorre l’ultimo scorcio della vita di Bettino Craxi, il suo autunno di leader ferito nell’orgoglio, ma soprattutto malato. "Eravamo a un pranzo e  Agostino Saccà voleva convincermi a fare un film su Cavour, un personaggio della storia italiana, e soprattutto voleva parlare del suo intenso rapporto con la figlia - inizia a raccontare -. Allora mi si è accesa una lampadina, ho avuto uno scatto: perché non parliamo di Craxi e di sua figlia? Io l’avevo buttata lì, giusto per liberarmi di Cavour, e invece mi hanno preso sul serio, mi hanno detto che era un film necessario".
Allora l’ho fatto davvero, e il ruolo della figlia è importante."Pierfrancesco Favino, che sul set si trasforma incredibilmente nel leader socialista (e non è solo per il trucco di Andrea Leanza e Federica Castelli) ci tiene a specificare: "Io, la figlia di Cavour non la volevo fare". Anche se cercano di tirarlo dentro le polemiche (Hammamet è contro Mani Pulite, lo scandalo delle tangenti del 1992 che ha travolto la Prima Repubblica) Amelio si sottrae: "Il mio non è un film politico. Fa domande, non pretende di dare risposte. Non deve darne. Io prendo in esame non la star degli Anni 80 ma soltanto sei-sette mesi, la lunga agonia di un uomo di potere che ha perso il potere e sul quale è calato da decenni un silenzio assordante, ingiusto. Ad Hammamet Craxi non è in salvo. Coltiva i rimpianti, i rimorsi, i desideri, macerato fino all’autodistruzione e alla morte, il 19 gennaio del 2000, in Tunisia. Era diabetico, aveva un cancro. Forse, se gli avessero dato la possibilità di essere operato da un’altra parte… Io credo di aver fatto un film col cuore, comunque, e un po’ anche col cervello".
Amelio sceglie di restare in un territorio tutto suo, poetico, lontano dalla cronaca e dalle regole della biografia: "Non faccio i nomi, non mi piace, sono troppo ovvi. Il leader democristiano che consiglia a Craxi di tornare in Italia per farsi processare è la somma di vari personaggi. La figlia Stefania la chiamo Anita, come Anita Garibaldi, non Mafalda o Cesira, con la volontà precisa di ricordare Garibaldi, eroe che Craxi venerava. Ho conosciuto la vedova, Anna: ci siamo intesi subito (è una cinefila) e invece di parlare di politica, abbiamo parlato di cinema. Ho avuto un dialogo sereno, aperto. Le ho dedicato qualche fotogramma di un film western che passa in televisione ad Hammamet. Poi ho incontrato Stefania, che si batte perché il nome del padre non sia bruciato, sepolto, dimenticato come sta accadendo. Bobo Craxi lo conosco attraverso i suoi scritti (in un intervento si è dichiarato scontento del film sul padre "perché l’elemento romanzato prevale su quello politico", ndr.) e spesso ho pensato di telefonargli. "Dà molte interviste, forse dovrei travestirmi da giornalista!". Dell’immenso materiale raccolto per costruire il film restano alcuni momenti memorabili: Craxi davanti a un carro armato abbandonato, Craxi che incrocia, riconosciuto, un gruppo di turisti italiani, Craxi, ricoverato in ospedale che chiede di "fare entrare i fotografi" e la moglie gli dice "non c’è nessuno". Craxi che racconta un sogno in cui appare il giudice che è stato la sua nemesi, Antonio Di Pietro (anche lui non nominato), e poi il finale felliniano, sulle guglie del Duomo di Milano. "Il personaggio completamente inventato - rivela Amelio - è il figlio di un uomo del partito, suicida dopo lo scandalo. È un ragazzo fragile. Ha comprato una pistola per uccidere Craxi che, pur sapendolo, esce con lui, mangia la pasta dal suo piatto e si lascia filmare raccontando quello che non ha mai detto a nessuno". Naturalmente è fiction. Se il video esistesse davvero, questo sarebbe un altro film.
19.01.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00