Carlo Chatrian
Immagini articolo
"Scopo del cinema
è colpire il pubblico"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Incontriamo Carlo Chatrian in un piccolo bar in una stradina di Kreuzberg, il cuore alternativo di Berlino.  Il nuovo direttore artistico della Berlinale, giunta alla 70° edizione, si sente a suo agio nella effervescente metropoli tedesca. "Una città multiforme - dice Chatrian - che cambia a seconda dei quartieri e con un’aria così rilassata". Per lui che viene da un paesino della Val d’Aosta, e che per cinque anni ha diretto il Festival del cinema a Locarno, fa un certo effetto la camaleontica Berlino. "A Locarno il festival è vissuto, oltre che dai cittadini, da turisti e specialisti che vengono dalla Svizzera o Nord Italia".
A Berlino, durante i 10 giorni del festival (sino al 1 marzo) vedi gente in lunghe file per un biglietto. "È un festival di pubblico, vissuto intensamente. E per me è una sfida". Dieter Kosslick, per 18 anni direttore, aveva strutturato questo festival come una galassia di eventi e programmi. E Chatrian, al vertice insieme a Mariette Rissenbeek, ora sta testando "cosa cambiare in questa grande macchina-Berlinale", come la chiama lui (due sezioni, quelle più tematiche del "Kulinarisches Kino", e "Native", sui film delle comunità indigene, le ha depennate). Per un curatore come lui l’essenza più vera del cinema è "sollevare questioni, suscitare emozioni, colpire il pubblico sia in positivo che negativo".
Insomma, non si va al cinema solo per trascorrere 90 minuti "ma per vedere un film che ti lasci qualcosa dentro - puntualizza -. Irradiés, ad esempio, film in concorso di Rithy Panh ‘colpirà’ di sicuro visto che è un film sulle radiazioni e distruzioni simboliche di ogni guerra". Non a caso, accanto alla competition con 18 film per l’Orso d’oro, Chatrian da quest’anno fa partire "Encounters", sezione con 15 film dedicata, spiega, a registi che fanno saltare i classici schemi. La rottura di schemi non è solo un modo di dire, ma la realtà del cinema nel passaggio dall’analogico al digitale: una rivoluzione tecnologica "che spesso consente ai registi, più liberi da questioni di budget, di fare opere più fresche raccontando la realtà in modo diverso".
Il Digitale quindi di per sé non è diabolico, ma uno strumento in più e non la morte del cinema. E i film in concorso per l’Orso? "Sono contento che dei registi importanti siano quest’anno tornati a Berlino. Abel Ferrara, con Siberia, Tsai Ming-Liang con Days. E Sally Potter che torna con un film quasi alla Joyce e attori come Javier Bardem e Salma Hayek". Ma insieme ai Big già famosi, Chatrian ha miscelato voci nuove e con più voglia di sperimentare. Come il film argentino El prófugo, un triller al femminile. O Todos os mortos, in cui Caetano Gotardo e Marco Dutra raccontano del Brasile dopo la liberazione della schiavitù. O Schwesterlein delle registe svizzere Stéphanie Chaut e Véronique Reymond ambientato a Berlino.
Naturalmente, da italiano, Chatrian è stato cauto nel selezionare i "made in Italy". Oltre a Ferrara, saranno le Favolacce di Damiano e Fabio d’Innocenzo - i più giovani del concorso - a stupire i berlinesi "con il loro progetto così ambizioso - spiega Chatrian - di tracciare un quadro della frattura fra generazioni in una periferia romana". Poi Volevo nascondermi, la storia del pittore Ligabue di Giorgio Diritti. Premiere internazionale infine a Berlino per Pinocchio di Matteo Garrone, con Roberto Benigni nei panni di Geppetto. "Mi pare indubbio che il cinema italiano viva una stagione molto ricca, con una nuova generazione di registi originali e che parlano anche oltre i confini nazionali". In fase di transizione il nuovo cinema tedesco, i cui più giovani registi ancora non si impongono a livello internazionale.
23.02.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00