function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Maurizio Nichetti
Immagini articolo
"Ho anticipato il futuro
della moderna televisione"
MARINA CAPPA


Dietro il vetro, i premi vinti nel mondo: David di Donatello, un Papa Wojtyla formato statuetta come riconoscimento alla satira di Forte dei Marmi, i trofei conquistati a Montréal, Mosca, Bruxelles... Davanti al tavolo, accanto a un tavolino, due poltrone - arancione e verde - e sopra un quadro che rappresenta l’identica scena, che poi è quella con cui si apriva "Ho fatto splash". Sugli scaffali, libri di Disney e dei suoi personaggi, monografie cinematografiche e un volumone rossonero su Gianni Rivera, in nome della fede calcistica. Che è forte, ma mai quanto quella per il cinema, come testimoniano i manifesti di tutti i suoi film alle pareti.
A partire da Ratataplan, che ormai ha più di 40 anni e a cui si deve l’acquisto di questa bella casa dove Maurizio Nichetti vive e lavora. Dopo tante stagioni da autore, attore e regista, adesso però lui si concentra su altro. È il nuovo direttore artistico di Visioni dal mondo, festival internazionale del documentario che si svolgerà a Milano dal 17 settembre in versione "streaming". Prima, aveva già diretto il festival della montagna di Trento, scoprendo una passione per il documentario: genere lontanissimo dal suo stile di regia fantastico, e che però sta crescendo, e "ci permette di conoscere il mondo, grazie anche all’avvento delle nuove tecnologie, di macchine piccole e agili che rendono più facile girare".
Nel frattempo, Nichetti lavora molto con i ragazzi e insegna sia nella sede milanese del Centro sperimentale sia agli studenti universitari dello Iulm. Perché, pur con il baffo ingrigito rispetto a quello lunatico dei primi manifesti, e con gli occhiali più sobri di quelli indossati un tempo, è rimasto un uomo curioso, desideroso di sperimentare, di trasmettere ai giovani.
L’insegnamento d’altra parte per lui non è una novità. Lo faceva anche a 27 anni, quando - dopo aver frequentato la scuola di mimo al Piccolo Teatro - aveva fondato il gruppo Quelli di Grock e "avevo studenti più vecchi di me, da poco ho incontrato un signore di 80 anni che mi ha festeggiato: lei era il mio maestro!".
Il cinema invece non lo pratica più da quasi vent’anni, dal 2001 di Honolulu Baby. "Il cinema del Novecento era un altro mondo, oggi ci sono o i grandi effetti speciali, che però hanno bisogno di mezzi impensabili qui, oppure devi lavorare su commissione. Io voglio poter decidere quello che faccio, da quando ho realizzato Ladri di saponette, nel 1989, mi sono sempre prodotto i miei lavori, per anni ho dato in garanzia la mia casa, tutto ciò che avevo. Non potevo continuare". Rimpianti? "No, era semplicemente un’altra vita. Come quando correvo, ed ero bravino, i 100 metri ma poi ho smesso, non volevo passare le giornate ad allenarmi. Le energie con il tempo si trasformano". La vita anche.
Peccato però, perché dopo il successo di Ratataplan e Ho fatto Splash, Nichetti aveva girato Domani si balla!: un film più sfortunato eppure terribilmente premonitore. "Come set avevamo scelto gli studi di Cologno Monzese che due mesi dopo Berlusconi avrebbe comprato, per costruirci Mediaset e - senza sapere nulla di lui - avevamo anche scelto una villa di Arcore per ambientarci una casa di riposo di vecchi artisti. A ciò si aggiunge che l’aiuto del nostro coreografo era tale Lucio Presta... Uno crede di girare un film di fantascienza, poi scopre che era solo un’anticipazione di quella che sarebbe diventata la televisione".
05.09.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Se il terrore non politico
incide sulle nostre vite
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

I quartieri poveri
di Madrid
non hanno
più luce

Poliziotti violenti
in Francia,
spaccata anche
la maggioranza

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00