function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Mario Timbal
Immagini articolo
"In tivvù la prima volta
... è stato a Fragolò"
ANDREA BERTAGNI


Mario Timbal ha il telefonino con il prefisso francese e risponde da un distributore di benzina. Perchè è in viaggio. Uno dei tanti per l’ex direttore operativo del Film Festival di Locarno. Che, a 43 anni, dopo aver lavorato in Svizzera tedesca e in Francia, dall’anno prossimo dirigerà la Radiotelevisione della Svizzera italiana (Rsi). "Da piccolo, quando ero in Vallemaggia - ricorda Timbal - ho partecipato a un programma televisivo per bambini che si chiamava Fragolò. Ma forse era meglio non dirlo, perché adesso andranno a ripescare la trasmissione...".  
Il rapporto, che Timbal definisce "intimo" con la radiotelevisione pubblica, per il nuovo direttore della Rsi inizia dunque già da bambino. E si sviluppa nel corso degli anni. "Come tutti quelli che sono nati e cresciuti in Ticino la Rsi è stata fondamentale nella mia formazione culturale e nella mia identità". Ma non solo. "Crescendo, grazie alla tivvù, mi sono avvicinato al cinema e all’informazione. E quando ho lavorato per il Film Festival questo rapporto è stato ancora più intenso".
Non chiamatelo "esterno", quindi. Anche se tra la rosa di candidati finali Timbal era quello appunto che non lavorava già per la Ssr. "Ma anche in Francia ho sempre seguito la nostra radiotelevisione, che per chi è all’estero rimane un’importante porta d’accesso alla Svizzera e al Ticino".
Non fategli nemmeno scegliere se preferisce di più la radio o la televisione. "Mi piacciono entrambe allo stesso modo. Abitando e lavorando all’estero negli ultimi anni ho seguito la radio con l’App e l’ho ascoltata anche facendo sport, mentre ho guardato la tele soprattutto per seguire le notizie".
Avendo studiato a Losanna, il nuovo direttore conosce anche molto bene la Radiotelevisione romanda (Rts). "Mi piace il coraggio che ha nel web. Ha autorevolezza e cerca di declinare in forme nuove il servizio pubblico". Guai a chiedergli però di palinsesti o programmi che ha in mente per la Rsi, magari prendendo spunto da altri canali. "Prima voglio conoscere - spiega - ma di sicuro sarò un direttore che darà un orientamento, delle linee. Venendo dal Film Festival, ho molto rispetto per la creatività e penso che a Comano ci siano i professionisti giusti".
Nel frattempo però serie tv e piattaforme come Netflix stanno attirando sempre più spettatori. "Non vedo concorrenza con il servizio pubblico. Vengo dall’audiovisivo e ho da sempre un rapporto con queste piattaforme. Vedo inoltre i miei figli piccoli. Per loro uno schermo è uno schermo, passano naturalmente da un canale all’altro, da una piattaforma all’altra. E io stesso ho una fruizione totalmente non lineare".
La sfida tra tivù generalista e piattaforme è comunque lanciata. "Ripeto, io non vedo concorrenza. Il servizio pubblico ha ad esempio un mandato chiaro sull’informazione. La grande sfida è capire come declinare i vari formati e andare a sradicare alcune gerarchie tra il pubblico".
In questo senso Timbal vede nel lancio di Play Suisse, la nuova piattaforma streaming della Ssr, un’occasione. "Ci sono generazioni che rimarranno sul ‘lineare’ e altre che non ci sono mai state, perché sono nate già col nuovo sistema della fruizione personalizzata e senza tempo. Siamo davanti a una fase di transizione. Una fase in cui serve creatività". Di sicuro Play Suisse "porterà un arricchimento culturale e sarà un elemento chiave".
Timbal si metterà al timone nei primi mesi del 2021. Prima di allora c’è ancora un pezzo di strada da fare. Il nuovo direttore attacca il telefono e risale in automobile. Il viaggio continua. Ma questa volta sarà un ritorno a casa.
abertagni@caffe.ch
12.12.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00