'Radiografia politica da marciapiede' del voto all'Eliseo
Immagini articolo
Noi elettori al "Tour"
delle Presidenziali
PAOLO LEVI DA PARIGI


Monsieur, dopo Hollande, chi sarà il suo nuovo presidente? Il primo turno delle elezioni presidenziali francesi si terrà il prossimo 23 aprile e l’eventuale ballottaggio tra i due candidati più votati è fissato per il 7 maggio. Durante la campagna elettorale ci sono state diverse sorprese. Quindi, chi sarà il nuovo presidente? Il Caffè ha radiografato la situzione raccogliendo alcune opinioni per strada a Parigi.
E dunque... Monsieur, dopo Hollande chi sarà il suo nuovo vicino? E sì, vicino perché lui col presidente ci deve praticamente convivere tutti i giorni. Said Fandri ha superato i 50. Da almeno la metà è sua l’edicola in avenue de Marigny, proprio di fronte all’Eliseo."Sapesse quanti ne ho visti. I presidenti cambiano, ma io resto qui. Il prossimo di sicuro è Macron". Voterà per lui? "Non glielo dico neanche sotto tortura. Ma è giovane e ha lavorato bene. Lo criticano perché è stato banchiere. Che c’è di male? Non è mica illegale. Pensi che risulta tra i candidati più poveri, il più ricco è il ‘compagno’ Mélenchon, del resto, mi piace molto anche lui". Dall’altra parte di Parigi, Sylvie Julie, ripassa i panni nell’atelier di sartoria che gestisce insieme al marito. Lui le siede accanto alla macchina da cucire. Bionda, occhi vispi, Sylvie ha 72 anni. Ma già dal primo turno del 23 aprile voterà per il più giovane. "Macron, Macron e Macron - ripete come un mantra - È l’unico pulito, niente frodi, niente scorrettezze". Le Pen? "Mai! Col Front National perdiamo tutti", avverte Madame. Tutto il contrario di Denis Chainay, 56 anni, storico macellaio della rue du Château-d’Eau. "E’ tempo di votare per Marine Le Pen. Gli altri hanno tutti fallito, almeno mettiamola alla prova, poi potremmo eventualmente criticarla".
Davanti alla sede del Front National, sulla Rue du Faoubourg Saint-Honoré - la stessa dell’Eliseo - è un continuo viavai. Le due auto scure della candidata anti-euro sono parcheggiate di fronte al portone. Per Daniel André Philippot, 68 anni, ‘Marine’ - come la chiamano gli intimi - forse per cancellare un cognome scomodo - "è l’unica che oggi difende la Francia, l’unica che parla di lotta all’immigrazione, chiusura delle frontiere, uscita dall’euro e dall’area Schengen. Senza contare il patriottismo economico: ma si rende conto che l’attuale governo ha fatto acquistare fucili d’assalto tedeschi per l’esercito quando la Francia produce i Famas, i mitra migliori al mondo?". Quanto all’euro - protesta Philippot, nessun legame, assicura, con il numero 2 del Fronte - "ci ha fatto solo perdere potere d’acquisto: nel 2000 pagavo una baguette un franco, oggi la pago 6 franchi e 55. Non dico altro". Marine Le Pen è "xenofoba, razzista, e il suo programma totalitario", ribatte (a distanza) Pierre Duraisin, nei pressi de Louvre. "Se brilla nei sondaggi - aggiunge il regista, 50 anni, con jeans e occhiali scuri - è perché i francesi sono diventati tristi, e quando sei triste fai sciocchezze". Alla fermata del bus, Jean-Francois Delorme, aspetta il 47 per rientrare a Montmartre. Lui voleva votare Républicains ma poi ha cambiato idea. Dopo l’iscrizione di Fillon nel registro degli indagati per i presunti impieghi fittizi a moglie e figli "non è più possibile, quando è troppo è troppo. Mi tocca ripiegare su Macron", confessa.
Gli scandali che travolgono il candidato ultraliberale della Destra non scalfiscono le convinzioni di Quentin, 24 anni. "Non voto un uomo, voto un programma, è lui l’unico in grado di avere una maggioranza e far ripartire la Francia". Seduto in un bistrot del centro, Olivier Prouvost, si gode la (rara) giornata di sole. Il suo beniamino è Benoît Hamon, il candidato socialista appena scaricato da compagni di partito come Manuel Valls che si sono schierati con Macron. "Voltare le spalle al vincitore delle primarie è disgustoso - commenta  il chitarrista trentacinquenne - ma da Valls c’era poco da attendersi, io voterò Hamon". Nei sondaggi il candidato del reddito di cittadinanza viene superato ampiamente da Jean Luc-Mélenchon, lo sfidante della gauche alternativa (La France Insoumise).  Per Olivier "è una brava persona, ma la sua promessa di uscire dall’Ue mi fa un po’ paura". Herminie Astay preferisce invece di gran lunga Mélenchon. A convincerla - spiega questa studentessa di 24 anni nel cortile della Bibliothèque Nationale - è la proposta di passare a una Sesta Repubblica, che seppellisca il sistema presidenziale e la "Monarchia Repubblicana" . Quanto a Gael Marchand, 28 anni, appartiene al popolo degli astensionisti che secondo gli esperti potrebbe battere ogni record. "I candidati? Tutti ladri, bugiardi o razzisti. Il mio voto non lo meritano", racconta sconsolato alla gare Saint-Lazare, una delle grandi stazioni di Parigi. Forse già sogna di partire lontano.
02.04.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni