Appelli web di Isis per chiamare a raccolta i simpatizzanti
Immagini articolo
Terrore continuo...
si onora il Ramadan
GUIDO OLIMPIO DA WASHINGTON


L’Isis, come nel 2016, ha deciso di "onorare" il mese sacro di Ramadan con una serie di attacchi. Al solito, la fazione ha lanciato la mobilitazione con gli appelli via web rivolti ai simpatizzanti sparsi nel mondo e, quando ha potuto, ha diretto singoli o nuclei attraverso i suoi referenti. La cadenza di episodi è impressionante, anche se non sempre i terroristi sono riusciti - per fortuna - a portare a termine la missione. L’impatto è poi ancora maggiore se pensiamo come le due capitali dello Stato Islamico, Raqqa e Mosul, siano sotto assedio.
Nelle Filippine hanno preso d’assalto una cittadina con una manovra da guerriglieri, molto simile a quelle viste in Iraq. In Afghanistan si sono impadroniti di un simbolo, le grotte di Tora Bora: uno dei rifugi di Bin Laden, una rete di gallerie che era tornata nelle mani dei talebani, oggi avversari del Califfo. In Europa i militanti hanno proseguito sul sentiero consolidato: veicoli ariete sulla folla, pugnali, aggressioni nei confronti delle forze di sicurezza. La Gran Bretagna ha pagato un prezzo alto, poi la Francia e il Belgio, tre Paesi a rischio per due fattori: la presenza di un gran numero di mujaheddin in Siria-Iraq, alcuni con ruoli primari nel network estremista; l’attività all’interno dei confini di elementi vicini alla realtà islamista, sia pure con gradazioni ed esperienze diverse.
Il dato base è un fenomeno eversivo diffuso, a volte diluito in episodi minori o di tentativi che confermano comunque la vocazione alla lotta armata. I protagonisti sono soggetti spesso noti alle autorità, con un passato e un presente jihadista. Ma, come ormai ben sappiamo, non mancano i neofiti, gli insospettabili, i criminali comuni che attraversano il "confine" per aderire alla campagna politica stabilita dallo Stato Islamico. Minaccia globale e variabile che oltre ad accrescere il senso di insicurezza mette in difficoltà polizie ed intelligence, spesso accusate di non aver saputo prevenire nonostante gli autori dei gesti fossero schedati. È ormai un ritornello, a tratti imbarazzante, ma che ha una sua giustificazione parziale. Anche questo è un aspetto assodato: i numeri delle persone da tenere d’occhio sono "impossibili". Nessun apparato ha i mezzi per poterlo fare e questo al netto di errori - clamorosi - da parte di chi dovrebbe vigilare.
Non bisogna farsi illusioni. Gli attentati continueranno e credo che gli affiliati al Califfato cercheranno nuovi modus operandi oppure adegueranno quelli impiegati fino ad oggi. L’Europol teme il ricorso alle autobomba. Magari il killer prima falcia la folla con il suo mezzo, poi lo fa detonare. Qualche prova, con bombole del gas infilate nell’abitacolo, c’è già stata sul territorio francese. Non sono neppure da escludere incursioni con piccoli droni, facili da acquistare, modificare e utilizzare per sganciare piccoli ordigni. Perfetti per gesti dimostrativi e "spettacolari".
In talune situazioni gli attacchi hanno ricordato un fenomeno molto americano, il "suicidio per mano della polizia". Ossia una persona prende di mira gli agenti allo scopo di uccidere e di farsi uccidere. Sono veri atti "sacrificali" che non lasciano scampo a chi li compie. Una variante del kamikaze classico che però rientra nelle categorie previste dall’Isis.
E in questo clima di violenza perpetua non si può ignorare quanto avvenuto a Londra davanti alla moschea di Finsbury Park. Un terrorista "bianco", imbevuto d’odio verso i musulmani, ha copiato le tecniche dello Stato Islamico investendo i fedeli con il suo furgone. Un segnale allarmante. Perché dimostra come i "radicali" abbiano fatto scuola anche tra i loro avversari ed apre un altro fronte. È legittimo attendersi nuove sorprese da parte di ambienti xenofobi o neonazisti. Possibilità che fa felice il Califfo e al Qaeda - mai dimenticare che ci sono sempre gli eredi di Osama - in quanto scava il fossato nelle società, spinge alla ritorsione, alimenta l’ostilità tra le religioni. È una tempesta perfetta dove sono i cittadini a pagare in ogni caso.
25.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano