La Repubblica tedesca e le sue influenze in Europa
Immagini articolo
"Germania egemone
ma senza egemonia"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Dirige il ‘Cap’, laboratorio di politologia dell’università Maximilian a Monaco di Baviera. Dal 1987 al ’99 è stato coordinatore dei rapporti tra il governo tedesco e quello americano. Ha scritto dozzine di saggi sulla politica tedesca e sull’Europa: l’ultimo si intitola "Alla ricerca dell’anima europea". E al fondo dell’‘anima’ d’Europa e dei suoi conflitti sta, secondo Werner Weidenfeld, "il dilemma della Complessità". "Nell’era globale - dice il politologo - la realtà politica e culturale è articolata su vari piani. Purtroppo viviamo un deficit di teorie e spiegazioni plausibili, e i titoli sui giornali o le formulette demagogiche lasciano il tempo che trovano".
Per questo Weidenfeld non crede che le "metafore strette", come le chiama lui, di una ‘Kern-Europa’ - un nocciolo della Ue - o l’‘Europa a due velocità’ colgano il punto. " Il concetto di ‘Kern Europa’ è fuorviante e inattuale, incalza Weidenfeld, per capire la politica dell’Ue; meglio quello di ‘integrazione differenziata’ dei membri dell’Unione". Il perché è semplice. "Siamo realisti - spiega Weidenfeld - non si può pretendere che 27 Stati partecipino allo stesso tempo ed intensità a tutti i progetti ed iniziative". Piuttosto, vi sarà sempre un Gruppo che, per un certo periodo, affronta meglio alcune emergenze. Ad esempio, l’emigrazione. O i nodi della finanza. Le linee della difesa e di politica estera. Ma non certo un ‘nocciolo’ di Stati così omogenei - tipo: Germania più Benelux al centro del Continente - da imporsi sugli altri, più deboli e lenti, e su tutte le questioni. "La realtà è appunto più differenziata, continua Weidenfeld, e le formule del ‘nocciolo’ hanno lo svantaggio di dover definire chi, come e quanti Stati apparterrebbero  al cosiddetto ‘Kern’". Che senso ha allora parlare di una egemonia tedesca e della Kanzlerin Merkel sul resto della Ue? "Nessuno - risponde secco Weidenfeld -. L’immagine di un’Europa sotto il dominio tedesco è un incubo che non corrisponde alla realtà.
"Siamo seri: conosce forse qualche partito o politico qui in Germania che sogni un’Europa sotto il comando tedesco?". Forse, consiglia il politologo, dovremmo riflettere meglio sulle Immagini con cui dalla fine della guerra (e specie in tempi di crisi) pensiamo alla politica europea.
"Più che una reale egemonia tedesca, riassume Weidenfeld, dovremmo parlare di un predominio di certe Immagini nella nostra testa. Quella della Austerity dettata da Berlino a tutti gli altri, o la famosa Efficienza ed Ordine di stampo tedesco, e l’incubo infine di un Potere teutonico sull’Europa sono cliché dominanti dalla fine della guerra". E non appena l’Europa attraversa una crisi, ecco che la trappola dei soliti pregiudizi riscatta. Ma in realtà, pregiudizi a parte, il ruolo della Germania nella Ue non è nemmeno più (solo) quello di ‘locomotiva economica’.
"La Repubblica federale ha oggi un ruolo non più solo economico, ma anche di spinta culturale - spiega Weidenfeld- , dato che in Germania c’è la diffusa convinzione che l’Europa sia ‘conditio sine qua non’ del benessere tedesco".
L’Europa allora è più che altro "qualcosa come un valore culturale in Germania", dice Weidenfeld. Non è a caso, nell’era delle Fake news e dei populismi, ‘Time’ e ‘NyTimes’ vedono in Merkel la "Kanzlerin d’Europa". Altra ‘metafora’ che però non convince il politologo.
"Gli elogi della Merkel - conclude lui - sono complimenti, non analisi politiche. Nell’era della Complessità non c’è un politico, neanche la Kanzlerin, che da solo dipani le fila della realtà". Né una nazione o un ‘nocciolo’ che dominino l’Europa.
16.07.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel