Medio Oriente, Estremo Oriente, Europa e Usa nel 2018
Immagini articolo
I quattro focolai
della geopolitica
LUIGI BONANATE


La geografia politica sta diventando il modo più chiaro per leggere il mondo: nel declino dei valori, dei sogni di potenza e delle grandi divergenze storiche, in questo grande declino del tutto - si potrebbe dire - ciò che permane e continua ad avere senso e a dettare le azioni politiche è il territorio, la conquista o riconquista del proprio, l’espansione o l’occupazione di quello altrui. Non esistendo più chiare ed evidenti dominazioni mondiali, la dimensione regionale, cioé quella che "contiene" grandi problemi o grandi novità, è la chiave che ci aiuta a far interagire tra loro caso e probabilità.

Medio Oriente
In termini di probabilità la situazione mediorientale continuerà a restare - come è da anni e anni - la più delicata: in essa è  nata la grande "madre" di tutte le guerre recenti che è quella strisciante che dura da più di mezzo secolo tra Israele e Palestina. Ogni tanto la scordiamo ma cova sempre, come il fuoco sotto la cenere. In passato, ciò ha provocato una serie di estemporanei e imprevedibili scoppi; ma oggi  l’"esondazione" del problema principale e primigenio ha colpito tutti i Paesi di quello che una volta gli strateghi chiamavano l’arco della crisi (dall’Africa dell’Ovest fino alle Filippine) e che ora sono diventati quella di una guerra che non si ferma mai, che si sposta dall’Iraq alla Siria, dalla Libia allo Yemen: ciascun episodio sembra rinchiuso in se stesso, ma se li guardiamo tutti insieme non possiamo non temerne, anche a breve termine, una reazione a catena che potrebbe incendiare tutto il Medio Oriente. Appiccato da chi? Potrebbe essere l’Iran così come l’Arabia Saudita, Israele come lo Yemen: meno importante è chi sarà a farlo, rispetto al dove. Tutta l’Africa sta a guardare; ma nulla se ne può dire, se non che sarà la protagonista del prossimo mondo: è grande, ricca e popolosissima... chi crede di poter intervenire a partita in corso - la Russia di Vladimir Putin come gli Stati Uniti di Donald Trump - rischia soltanto di accrescere il polverone e di aggiungere destabilizzazione a tensione.

Estremo Oriente
Si direbbe che nel mondo di domani, ovvero quello che ci sta raggiungendo, più nessun attore sarà in grado di orientare il futuro: nessun caso lo dimostra più chiaramente della  Corea, che nessuno immaginava avrebbe avuto gli sviluppi missilistici che ormai conosciamo. Sembra insensato temere che Kim Jong-un possa far scoppiare una guerra, ma ha talmente sorpreso il mondo negli ultimissimi anni, da escludere ogni certezza. Ma potrebbe persino succedere che scendesse a più miti propositi. E se così fosse, la spiegazione potrebbe essere cercata piuttosto vicino che lontana, cioé in Cina piuttosto che in America. Trump non ha nulla per rendersi credibile agli occhi di una Corea povera, affamata e isterica che non può sfidare o trascurare un vicino come la Cina, che non ha nulla da guadagnare in eventuali coinvolgimenti militari.

Europa
È semmai in questa parte di mondo, e in essa nel suo Stato più esteso, la Russia, che potrebbe spuntare qualche novità: Putin si sta rivelando sempre più determinato ad assumere quel ruolo che avrebbe potuto spettare agli Stati Uniti che però non l’hanno saputo cogliere, pur avendo le risorse per farlo. Putin non ne ha altrettante, ma svolge una politica di grande potenza, cercando di entrare in tutti gli scacchieri, senza che nessuno lo freni.

America (ovvero, Stati Uniti)
Per certi versi Trump assomiglia a Putin, del quale però non ha la stessa lucidità, e colpisce un po’ a caso: un giorno sono gli immigrati, ieri era Cuba, ma anche l’Iran. I suoi bersagli mutano in continuazione, ma non ne colpisce alcuno, e per fortuna, verrebbe da dire. Ma più che altro, ciò che stupisce e preoccupa è la totale e comune assenza di un disegno politico: non c’è Paese al mondo che sappia immaginare il futuro, suo e degli altri. Da tanta incertezza è difficile che esca qualcosa di buono. Forse il posto giusto per programmarsi le prossime vacanze è la Patagonia, che ha una densità di 2 persone per chilometro quadrato...  

l.b.
17.12.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se la democrazia
è a colpi di canone
L'INCHIESTA

"Troppe espulsioni
sgretolano le famiglie"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Al miliardario velista
il "flash" costa caro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Risiko criptovalute
simulando Wall Street
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio