Al voto 46 milioni di cittadini ma l'esito è incerto
Immagini articolo
L'Italia ricomincia da tre
mentre il Pd di Renzi...
FRANCESCO ANFOSSI DA ROMA


Tre schieramenti, dal centrodestra del redivivo Silvio Berlusconi che si è alleato con la Lega e la destra di Giorgia Meloni, al Movimento 5 stelle, sino al centrosinistra azzoppato di Matteo Renzi, che ha perso per strada un pezzo di partito confluito nel movimento Liberi e uguali dell’ex magistrato Pietro Grasso. L’Italia riparte dunque da tre, anzi da quattro. Perché nel voto di oggi, domenica, c’è un quarto incomodo: l’attuale premier Paolo Gentiloni. E se fosse lui, magari con una alleanza inedita, a continuare a guidare l’Italia?
Già, perché mai come stavolta regna l’incertezza e si attende un vasto astensionismo tra i 46 milioni di elettori chiamati alle urne. Nonostante questo i 5 stelle di Luigi di Maio dicono d’essere a un passo dalla vittoria, così come Berlusconi, mentre Renzi sottolinea che il centrosinistra ha fatto "ripartire l’Italia". Intanto a Pavia sono comparsi nelle porte di alcune case bollini dove si dice che "qui abita un antifascista". Un ulteriore elemento di tensione in un Paese lacerato.


Matteo Salvini
Europarlamentare, a capo dell’ex movimento di Bossi
Sovranista e populista, ha "lepenizzato" la Lega Nord

Matteo Salvini, leader della Lega Nord e parlamentare europeo, non nasconde la sua aspirazione a diventare premier di una coalizione di Centrodestra. Dopo aver praticamente "lepenizzato" in senso nazionalista, populista e sovranista il movimento fondato da Umberto Bossi, di cui è stato il pupillo (oggi non si parlano) il suo programma è piuttosto semplice: vuole cancellare la riforma adottata nel 2011 dall’allora ministro "tecnico" Elsa Fornero sulle pensioni, abbassando l’età pensionabile, attuare una rigorosissima politica anti-immigrati, introdurre la difesa armata in casa contro i rapinatori. Nel Centrodestra chi ha più voti tra Forza Italia e Lega porta a casa il premier. L’ex direttore di Radio Padania sente la vittoria già in tasca e punta al 20 per cento dei consensi, sufficienti a soffiare la poltrona al candidato berlusconiano Tajani. Ma anche se non riuscisse a raggiungere la poltrona più ambita di Palazzo Chigi ha già detto che intende chiedere almeno quattro ministeri: lavoro, agricoltura, economia e disabili.


Luigi di Maio
Da studente fuoricorso a steward negli stadi e ora...
L’ascesa di Giggino il "royal baby" dei 5 Stelle senza esperienza

Lo hanno definito il "royal baby" dei 5 Stelle, colui che è destinato a divenire premier nel caso il movimento riesca a ottenere la maggioranza assoluta alle prossime elezioni o ad allearsi con qualcuno, nonostante si proclami partito "antisistema". Luigi Di Maio, detto "Giggino", era partito alla grande in questa campagna elettorale. I sondaggi danno i grillini come primo partito italiano. Poi sono arrivati alcuni scandali a intralciare questa marcia trionfale: bonifici falsati, candidati sospesi, dimissioni, rimborsi mancati. Cose di non poco conto se si pensa che il movimento di Grillo era sceso in campo al grido di "onestà, onestà".
Giggino però non si è dato per vinto e ha continuato a girare l’Italia riempiendo le piazze. Ha presentato un programma in 20 punti, da un reddito per tutti di 780 euro (circa 900 franchi) alla riduzione delle tasse, dai rimpatri degli immigrati irregolari a una riforma dei processi. Di lui si critica il curriculum non proprio ricchissimo: è studente fuoricorso e ha lavorato solo come steward allo stadio. Celebri le sue gaffes, come quella di Pinochet dittatore del Venezuela.


Antonio Tajani
Attuale presidente del Parlamento di Bruxelles
Il "portavoce europeo" del redivivo Berlusconi

Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, ha sciolto la riserva e si dichiara disponibile ad assumere la guida di un eventuale governo di Centrodestra che mette insieme Forza Italia di Berlusconi, la Lega di Matteo Salvini e il movimento della destra Fratelli d’Italia guidato da Giorgia Meloni. Se quest’ultima non ha presumibilmente aspirazioni di leadership, la vera lotta è tra la Lega di Salvini e Forza Italia di un redivivo Silvio Berlusconi. L’ottantunenne protagonista di un ventennio, nel bene e nel male, non può candidarsi a leader per i suoi trascorsi giudiziari. Dunque ha bisogno di un premier. La scelta è caduta dall’alto naturalmente, e non dal basso. Forza Italia non ha mai fatto congressi per scegliere il suo leader. Tajani è un uomo di assoluta fiducia per il cavaliere. Sessantaquattro anni, romano, Tajani ha trascorsi come appartenente al partito filo monarchico. Giornalista, è stato capo della redazione romana del "Giornale" allora diretto da Indro Montanelli, di proprietà di Berlusconi, di cui Tajani è divenuto il portavoce al tempo della sua "discesa in campo", nel 1994. Toccherà a lui divenire premier se Forza Italia otterrà più voti della Lega.
04.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento