Il tycoon viene definito "un Robin Hood al contrario"
Immagini articolo
Gli errori in economia
del presidente Trump
ALESSANDRA BALDINI DA NEW YORK


I passi falsi di Donald Trump fanno tremare i mercati. La scorsa settimana sono stati  i dazi - prima su acciaio e alluminio e poi sull’import di beni cinesi - ad alimentare timori di guerre commerciali regalando a Wall Street un ruzzolone da 1.100 punti in 24 ore. Trump, che spesso viene paragonato a Richard Nixon non solo per il suo disprezzo per l’etica ma anche per l’approccio politico-elettorale all’economia, parlava al ceto medio del Midwest quando ha minacciato di penalizzare lavatrici e pannelli solari della Cina, senza considerare però che un iPhone assemblato per Apple dalla cinese Foxconn ha in realtà  solo il 3,6% del valore prodotto in loco: il resto viene da fornitori in Giappone, Germania e Corea lungo quelle che gli economisti chiamano "catene globali di valore" prima dell’assemblaggio finale. La Casa Bianca sembra non riconoscerlo: agisce come in un mondo che non esiste più da decenni.
Non è la prima volta che Trump fa il tonfo in materia economica: tra i suoi primi passi falsi c’è stata l’ostilità verso gli alleati più collaudati: il presidente messicano Enrique Pena Nieto per il Muro, il premier canadese Justin Trudeau e ancora Nieto per la Nafta. A seguire, le tensioni con l’Europa, tra fondi Nato e accordo commerciale transatlantico. La mano tesa alla Gran Bretagna di Brexit l’ha sabotata lui stesso, con ingerenze politiche che hanno mandato su tutte le furie la premier Theresa May. Infine le incomprensioni con mezza Asia per la cancellazione dell’altra intesa transpacifica firmata nel 2015 da Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore, Vietnam oltre gli Stati Uniti.
Clamorosa per i riflessi economici anche la decisione sul "climate change". Il primo giugno 2017 Trump ha sfilato gli Usa dal Protocollo firmato a Parigi nel 2015 da tutti i Paesi del mondo tra cui l’America di Barack Obama. E anche se il processo di ritiro si completerà solo nel 2020, la mossa rischia di far nascere un nuovo asse Pechino-Bruxelles contro l’export americano. In cambio del no all’accordo sul clima, Trump ha promesso un piano di salvataggio del "bellissimo carbone pulito". Ma i progetti per rivitalizzare l’industria mineraria sono stati bocciati in gennaio all’unanimità dall’authority federale dell’energia. A votare contro, ironia della sorte, anche i tre nuovi commissari nominati dal tycoon.
E poi le omissioni del maxi piano per le infrastrutture. Tutto vago e comunque pagheranno gli Stati. Senza arrivare a quel che ha detto Bernie Sanders, secondo cui Trump "ha applicato il principio di Robin Hood alla rovescia: toglie alla middle class per dare ai ricchi", la riforma fiscale del tycoon fa guadagnare soprattutto l’1% degli americani più abbienti penalizzando il ceto medio di "Stati Blu" come New York, New Jersey, California, Connecticut che nel novembre 2016 avevano preferito Hillary Clinton. Anche Nixon nel 1971 ritirò gli Usa dall’accordo di Bretton Woods e impose una sopratassa su tutte le importazioni. Con contraccolpi nell’economia globale e la rabbia delle nazioni alleate già a disagio per la guerra del Vietnam. Nixon aveva in mente un solo obiettivo: le elezioni del 1972. Le sue misure economiche di emergenza miravano solo e soltanto a quello. Alla fine vinse alle urne, ma a un prezzo altissimo: seguì un decennio di stagflazione che danneggiò pesantemente gli stessi elettori di cui il presidente del Watergate si dichiarava paladino.
25.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento