L'appello del Papa ai dirigenti delle aziende petrolifere
Immagini articolo
"Andate verso fonti
accessibili e pulite"
PATRIZIA GUENZI


Energia sì, ma attenti agli squilibri ambientali". Così ha detto ieri, sabato, papa Francesco durante un incontro con i dirigenti di imprese petrolifere e del settore dell’energia. "Gli effetti del cambiamento climatico non sono distribuiti in modo uniforme - ha sottolineato -. Sono i poveri a soffrire maggiormente delle devastazioni del riscaldamento globale, con le crescenti perturbazioni in campo agricolo, l’insicurezza della disponibilità d’acqua e l’esposizione a gravi eventi meteorologici".
La denuncia di papa Francesco è rivolta alle principali imprese del settore petrolifero, del gas naturale e di altre attività imprenditoriali collegate all’energia, che hanno partecipano in Vaticano a un Simposio promosso dal Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale e dall’Università di Nôtre Dame-Mendoza College of Business, negli Stati Uniti. Il Papa ha ricordato il grave fenomeno dei migranti ambientali, costretti "ad abbandonare le loro case e a migrare in altri luoghi, senza sapere come verranno accolti". E che in futuro aumenteranno. Da qui l’invito del Papa ad andare verso l’energia accessibile e pulita, "una responsabilità che abbiamo verso milioni di nostri fratelli e sorelle nel mondo", ha osservato.
Il titolo della conferenza, La transizione energetica e la cura della nostra casa comune, richiama esplicitamente l’enciclica "Laudato si’", che Francesco aveva dedicato del 2015 proprio alla "cura della casa comune", il pianeta Terra. Infatti, rivolgendosi ai dirigenti presenti, li ha invitati a "essere il nucleo di un gruppo di leader che immagina la transizione energetica globale in un modo che tenga conto di tutti i popoli della Terra, come delle future generazioni".  
Il Santo Padre non divide il mondo in dirigenti con una coscienza ambientalista e petrolieri a cui non interessano le conseguenze delle loro azioni. La presenta invece come la più grande opportunità di una leadership per incidere in modo duraturo a favore della famiglia umana. "Non è qualcosa che possa essere fatto da voi soli o soltanto dalle vostre singole imprese, ha concluso, ma insieme c’è la possibilità di un nuovo approccio mai messo in evidenza prima d’ora".
10.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin