Forti tensioni in Albania: assaltato il palazzo del governo
Immagini articolo
A Tirana l'opposizione
chiede nuove elezioni
R.C.


Sono continuati per tutta la giornata di ieri, sabato, gli scontri a Tirana, in Albania. L’opposizione ha chiesto nuove elezioni e le dimissioni del premier socialista Edi Rama "colpevole di aver gettato il Paese nella corruzione e nella miseria".
Un gruppo di manifestanti ha tentato di assaltare il palazzo di governo, provando a sfondare l’entrata principale. Sono poi stati respinti dalle forze della Guardia repubblicana che ha lanciato lacrimogeni sulla folla. Un paio di poliziotti sono rimasti feriti, mentre quattro manifestanti sono stati ricoverati all’ospedale con problemi respiratori dovuti ai gas lacrimogeni. L’opposizione al governo, guidata da Lulzim Basha, capo di un movimento del centro destra (Partito democratico albanese), ha chiesto "un governo transitorio che prepari elezioni anticipate che siano libere e in rispetto degli standard internazionali".
Già nei giorni scorsi le forze dell’ordine avevano comunicato che c’era il rischio di una escalation violenta delle proteste. Il premier Rama, al centro delle contestazioni, aveva prudentemente annunciato che non sarebbe stato a Tirana: doveva andare a Valona per un incontro con la popolazione.
In un’intervista all’Associated Press prima della protesta, Lulzim Basha aveva già anticipato i propri obiettivi: oltre alle dimissioni del premier, aveva chiesto la creazione di un esecutivo di transizione in grado di portare il Paese alle elezioni anticipate "per ripristinare la democrazia attraverso un Parlamento espressione della volontà popolare e non del denaro o delle minacce di criminali".  
L’opposizione, formata da cinque partiti di centrodestra e centrosinistra, accusa il premier di "collusione con il crimine organizzato" oltre che di aver gettato l’Albania nella corruzione e nella miseria. Nella prossima estate era previsto l’inizio dei negoziati di adesione all’Unione europea, secondo un accordo che avrebbe dovuto dare  "una chiara prospettiva europea" a Tirana. Accordo a cui Francia e Olanda si erano opposte. Favorevoli invece Italia e Germania, in considerazione del fatto che chiudere le porte all’Albania rischierebbe di destabilizzare tutta l’area.  Il leader dell’opposizione, Basha sostiene che "la situazione è fuori controllo". Il vice ministro dell’interno, Mirela Miroli, ha invece difeso l’azione delle forze di sicurezza.
17.02.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00