Le tensioni fra India e Pakistan e quelle fra Trump e Kim
Immagini articolo
La linea rovente
sul fronte orientale
GUIDO OLIMPIO


Due crisi storiche hanno riacceso il fronte orientale: la prima nello scontro armato India-Pakistan, la seconda con il fallito vertice tra Donald Trump e Kim Jong-un ad Hanoi.
Indiani e pachistani si sono scambiati duri colpi nella regione contesa del Kashmir in un ciclo simile a quello visto in Medio Oriente. Attacchi di estremisti, incursioni, rappresaglie, accuse, dinamiche di politica interna. Il 14 febbraio militanti kashmiri dello Jaish-e-Mohamed hanno rivendicato la strage compiuto da un kamikaze contro un reparto di agenti. Oltre 40 le vittime. New Delhi ha atteso qualche giorno, poi ha sferrato un raid aereo contro i militanti sostenuti dai pachistani. Operazione ad effetto per reagire all’affronto e placare l’opinione pubblica, furiosa per il massacro. Islamabad non ha perso tempo a rispondere con una battaglia tra caccia, con l’abbattimento di almeno un Mig 21 indiano. Il pilota è stato catturato. Da qui nuove minacce, movimenti di truppe e cannonate lungo i confini.
Un dossier che ruota attorno a tre cardini. Il conflitto mai risolto tra i due rivali, protagonisti dal 1971 di ripetuti eventi bellici ed entrambi dotati di arsenale nucleare. La questione del Kashmir: i separatisti, con la copertura dei pachistani, conducono attività di guerriglia e terrore, l’India reprime aumentando la tensione. Infine la contingenza: tra due mesi si vota e il governo indiano può aver colto l’occasione per serrare i ranghi usando il blitz. Solo che questo tipo di scenari possono diventare incontrollabili. Inoltre l’uso di fazioni radicali da parte dei servizi di Islamabad - denunciata in passato dagli Usa che hanno tagliato aiuto consistenti - è un fattore destabilizzante. Può essere un elemento "allettante" per mettere in difficoltà l’avversario, ma al tempo stesso creare situazioni pericolose.
Il premier pachistano Imran Khan ha provato a raffreddare la temperatura, ha invitato al dialogo dimostrando "buon senso", ha annunciato il rilascio del pilota. Caso chiuso? Probabile che nessuno voglia accendere una guerra totale, ma nel contempo i "guerrieri" non sono disposti a sotterrare l’ascia.
Ci sono sempre le armi - atomiche - all’origine del mancato accordo Trump-Kim. Il leader voleva la fine di tutte le sanzioni offrendo in cambio lo smantellamento di un solo sito nucleare. Troppo poco anche per The Donald, che braccato dai problemi legati all’inchiesta sulla sua campagna elettorale poteva avere l’interesse a concludere un patto. Il Maresciallo, con il disperato bisogno di risorse economiche, ha cercato il grande risultato, ma – come tutti sapevano - non è disposto a rinunciare ai suoi apparati strategici. Il "re rosso" - pressato anche dalla sua nomenklatura in divisa - li considera un vero scudo per la sua sopravvivenza, fisica e politica.
Il presidente Usa, di solito poco abituato ad ascoltare i suoi ministri, alla fine ha accolto i suggerimenti alla prudenza. Non è da poco. Atteggiamento che conferma come le tante indiscrezioni su basi segrete nel Nord non siano solo il frutto di una manovra dell’intelligence, ma abbiano invece un fondamento concreto sui sotterfugi del regime. Le prossime settimane diranno se Kim eviterà di riprendere i test e manterrà aperto un canale di comunicazione. È nell’interesse comune evitare disastri, non è detto che ci riescano.
03.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019
22.05.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 3 giugno prossimo
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è