L'ex sindaco scende in campo per sostituire Theresa May
Immagini articolo
La "cura" Boris Johnson
ai Tories in caduta libera
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Dopo false partenze e marce indietro finalmente per Boris Johnson il dado è tratto. L’istrionico esponente dei Tories britannici, ex ministro degli Esteri ed ex sindaco di Londra, alla fine si è deciso: a Manchester ha annunciato che si candida per la poltrona di nuovo leader dei conservatori (e a quella di guida del governo), con l’obiettivo di succedere alla malandata premier Theresa May. Il capofila degli euroscettici si prepara a scendere in campo in uno dei momenti più difficili per il suo partito, alle prese con una sorta di maledizione della Brexit, che ha già segnato la fine politica dell’ex primo ministro David Cameron e costretto la May, mentre piangeva come dicono alcuni testimoni, a impegnarsi per indicare le sue dimissioni in tempi rapidi.
Non solo, i Tories, ormai identificati dall’elettorato come quelli che non sono riusciti a portare a termine l’uscita dall’Ue, sono in caduta libera nei sondaggi per le europee: addirittura quinto partito, con un umiliante 9% di consensi. Per molti serve la "cura" Boris. Arriverebbe dopo una delle scalate più lunghe alla guida di un partito: da anni si parla di un Johnson leader, da anni è in vetta alle classifiche di popolarità. Ma fino a oggi, per una ragione o un’altra, si è sempre tirato indietro. Forse hanno avuto una certa importanza la sua stravaganza, l’irruenza, la capacità di fare gaffe, e il suo identikit non molto Tory. Nato il 19 giugno del 1964 a New York, Alexander Boris de Pfeffel Johnson ha antenati musulmani, ebrei e cristiani e sino a fino qualche anno fa vantava anche la cittadinanza americana oltre a quella britannica.
Dopo la laurea in lettere classiche al Balliol College di Oxford inizia a lavorare per la carta stampata, prima al Times, poi al Daily Telegraph e infine come direttore della rivista di area conservatrice The Spectator. La sua carriera politica comincia nel 2001, quando vince un seggio in parlamento nel collegio di Henley. Nel 2004 per qualche mese è ministro ombra delle Arti, salvo poi perdere l’incarico per aver mentito circa una sua relazione extraconiugale. Due matrimoni falliti alle spalle, tante volte è finito sui tabloid per le sue intricate relazioni familiari. Nel 2008 inizia la sua avventura come sindaco di Londra, che si conclude nel 2016.
La sua scelta di appoggiare la Brexit nel referendum sorprende un po’ tutti e secondo molti avviene per fini meramente politici visto che più volte da primo cittadino aveva esaltato l’Ue. Dopo essere tornato a occupare un seggio da deputato alla Camera dei Comuni, sfuma, per il "tranello" teso dall’amico e alleato Michael Gove, la sua candidatura alla leadership Tory. Si rifà però nel luglio 2016 con la nomina a ministro degli Esteri, diventando spina nel fianco dell’allora neo premier May.
Che infatti se ne libera esattamente due anni dopo, nel luglio 2018, dopo una serie di gaffe ben poco diplomatiche compiute da Boris, e le continue critiche alla gestione della Brexit. Ora è forse arrivato il tempo di mostrare a tutti come può guidare il Regno in un frangente tanto complesso, di sicuro ispirandosi al suo idolo, Winston Churchill.
19.05.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Se il parco verde
va a finire in fumo
L'INCHIESTA

Un tempo miniere d'oro
ora stabili abbandonati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I migranti di successo
incrociano i loro destini
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019
22.05.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 3 giugno prossimo
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Slovacchia
si insedia
la Presidente
europeista

Haiti in piazza
vuole
le dimissioni
del presidente