I sondaggi danno vincente il centrodestra su Syriza
Immagini articolo
Il voto greco mette fine
a 5 anni di austerity
R.C.


La Grecia chiude con la votazione di domenica 7 luglio cinque anni di durissima austerity. L’ultimo sondaggio conferma il forte vantaggio del centrodestra di Nea Dimokratia (36%) contro la sinistra di Syriza, al 28%. Un distacco molto vicino a quello delle elezioni europee del maggio scorso che ha portato a elezioni anticipate.  
Ma Syriza, la coalizione della sinistra radicale che guida il Paese dal 2015, spera ancora. Il suo leader Alexis Tsipras ha chiesto ai greci di ribaltare i pronostici. Il sondaggio assegna inoltre il 7% al Movimento per il cambiamento (Kinal, centrosinistra), il 5% al partito comunista Kke, il 4% ai neonazisti di Alba Dorata, il  3% agli ultranazionalisti filorussi di "Elliniki Lysi" (Soluzione greca). Anche il partito dell’ex ministro delle Finanze Yanis Varoufakis "Diem25" è accreditato di un 3%. Se i pronostici venissero confermati dal voto, Nea Dimokratia avrebbe la maggioranza assoluta in Parlamento, con 155 deputati su 300.
Sulle elezioni grava l’incognita dell’astensionismo: entrambi i leader, Kyriakos Mitsotakis (Nd) e Tsipras hanno lanciato appelli al voto. Sono lontani i giorni del 2015 quando Tsipras stravinse le elezioni con il 35%. Andò alla guida di un Paese vicino al fallimento e con il fiato sul collo dei creditori internazionali, a partire dal Fmi, presieduto da Christiane Lagarde,ora presidente della Banca centrale europea. Sconfessando il radicalismo iniziale, Tsipras ha in questi anni imboccato una durissima strada di riforme, accettando i diktat dell’Ue, al prezzo di un fortissimo malcontento sociale, ma riuscendo a uscire (in parte) dalla crisi.
07.07.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00