Polemiche per la liberazione dell'ex presidente brasiliano
Immagini articolo
Lula contro i giudici
e Bolsonaro lo accusa
R. C.


La libertà e le polemiche. Sta scatenando un serrato dibattito la liberazione dell’ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva. Uscito dalla prigione con il pugno alzato, e accolto da un mare di folla, ha subito detto di voler "continuare a lottare per il popolo brasiliano". E, ora in attesa della sentenza definitiva, ha aggiunto di voler continuare a "lottare, viaggiare in Brasile e in America latina. E sono davvero intenzionato a combattere il settore marcio del potere giudiziario, della polizia, della Procura e anche il settore marcio delle imprese". Lula era in cella dal 7 aprile dell’anno scorso con l’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro nell’ambito dell’inchiesta Lava Jato, una sorta di Mani Pulite in versione brasiliana.
Ma la festa di Lula non è piaciuta affatto all’attuale presidente Jair Bolsonaro. Che sui social, in particolare su Twitter e senza mai nominare il suo vecchio avversario politico, si è rivolto agli "amanti della libertà e del bene", sostenendo che "siamo la maggioranza e non possiamo commettere errori". E ha aggiunto: "Non diamo munizioni alla canaglia, che è momentaneamente libera ma è colpevole".
Chi invece ha celebrato il rilascio dell’ex presidente sono i leader latinoamericani della sinistra oltre all’ex presidente socialista francese François Hollande e al candidato democratico alla Casa Bianca, Bernie Sanders. Tutti con messaggi postati sempre sui social. Il presidente argentino, Alberto Fernandez, ha salutato "il coraggio e l’integrità" con cui Lula "ha affrontato questa persecuzione". Il leader cubano, Miguel Diaz-Canel, invece, ha parlato di "trionfo dei popoli, della solidarietà, della verità". Il presidente venezuelano Nicolas Maduro, dal canto suo, ha detto di provare "una grande emozione" e ha dipinto Lula come "grande leader del Brasile, dell’America Latina e dei Caraibi". In Europa, ha twittato l’ex presidente francese François Hollande: "Il posto di Lula non era in prigione. Gli è stata restituita la libertà". Mentre il leader laburista britannico, Jeremy Corbyn ha sottolineato come la detenzione fosse "ingiusta e sbagliata". Infine, per il candidato democratico alla Casa Bianca, Bernie Sanders, "Lula ha fatto più di chiunque altro per diminuire la povertà in Brasile e difendere i lavoratori".
10.11.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00