function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




L'uccisione del Califfo non spegne i sentimenti di odio
Immagini articolo
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
GUIDO OLIMPIO


Nessuno ha mai pensato che l’uccisione del Califfo al Baghdadi avrebbe messo fine al ciclo del terrore. Averlo eliminato è stato importante, in quanto ha sfatato il mito dell’invincibilità, ma non ha chiuso la guerra. E l’assalto all’arma bianca sul London Bridge ne è stata la conferma all’interno di una cornice in parte definita.
Il primo lato del quadro è rappresentato dalla persistenza di quanti abbracciano l’idea di Jihad, non importa sotto quale bandiera o movimento. L’attentatore londinese era un recidivo, cresciuto nel segno di al Qaeda. Con precedenti penali pesanti, coinvolto piani di attacco eppure lo avevano rimesso in libertà. Non possiamo generalizzare, però il numero di pentiti tra gli islamici radicali è sempre piuttosto basso. E anche se non tornano a delinquere non spezzano il vincolo ideologico. Poi, per fortuna, coloro che tornano a compiere violenze non sono tanti, ma questo tiene comunque impegnate le forze di sicurezza, con linee di difesa troppo lunghe. Impossibile badare a tutti i potenziali attentatori che vivono nelle città d’Europa. In sintesi sono delle bombe a tempo, pronte a deflagare.
Il secondo "pezzo" del quadro è l’azione stessa. Il killer in precedenza aveva pensato di usare ordigni veri, poi una volta fuori dal carcere ha ripiegato su mezzi meno ambiziosi riuscendo a provocare delle vittime. È ricorso all’arma preferita degli assassini dello Stato Islamico, un lungo coltello. Lo abbiamo visto in una serie senza fine di episodi, dalla Francia al Belgio, dove le lame sono servite per portare paura e morte. Per ragioni molto pratiche. Non è illegale tenere nella cucina della propria abitazione un oggetto tagliente e lo porti dove vuoi e come vuoi. Da utensile si trasforma in strumento terroristico. E gli esiti tragici sono sotto gli occhi di tutti.
Passiamo al terzo lato. L’ambiente. Studi condotti in diversi paesi europei hanno censito le azioni avvenute dal 2015 ad oggi. Non poche sono state - almeno nella parte dell’esecuzione - condotte da elementi che si sono mossi in modo individuale. Questo, tuttavia, è solo un aspetto: gli esecutori erano da soli, ma si consideravano parte di un progetto globale. Una volta c’era l’etichetta di al Qaeda, poi è arrivato il marchio dello Stato Islamico, concesso con generosità dagli ideologici della fazione, veloce nel mettere cappello su atti sanguinari. Dunque la definizione di lupi solitari è inesatta, incompleta, parziale.
Infine, come hanno sottolineato numerosi articoli, la resistenza. Parliamo tanto dei killer, della brutalità. Però negli ultimi mesi, con episodi diventati tendenza, sta emergendo la reazione dei cittadini. Sono loro ad affrontare con qualsiasi "scudo" a disposizione gli attentatori. A Londra hanno impiegato un estintore e persino il corno di un narvalo. Altrove uno skateboard, in altri casi le mani nude e un carrello di un supermercato. Gesti di coraggio per rallentare l’aggressione e sufficienti, a volte, a limitare i danni.
Non è un invito a sostituirsi alla polizia oppure l’auspicio che nascano dei vigilantes, ci mancherebbe. La sicurezza spetta alle autorità, allo Stato. Andare contro l’assassino brandendo un bastone è una libera scelta, ma nel contempo rappresenta un segnale importante visto che chi predica l’odio e invita alla strage ci dipinge come essere impauriti e deboli.
01.12.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00