function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Dal governo via libera, ma molte imprese restano chiuse
Immagini articolo
l'Italia riapre a tappe
ma 4 su 10 dicono no
R. C.


Ammaccata, impaurita, ancora convalescente. Dopo la febbre alta del coronavirus che l’ha colpita e fatta precipitare in un incubo economico e sociale, l’Italia riparte. Da domani, lunedì, le porte sbarrate di negozi, attività produttive, palestre, musei, chiese e biblioteche, si aprono a tappe, anche se in alcuni casi a numero chiuso e con forti limitazioni. Si avvia una "fase2" che sarà progressiva e durerà per tutta l’estate con test e verifiche utili per eventualmente aggiustare il tiro nel caso di una ripresa dei contagi. Sarà introdotta progressivamente anche la libertà di circolare da regione a regione senza dover giustificare gli spostamenti, come sarà progressiva l’apertura delle frontiere che dovrebbe scattare il 3 giugno per tutti i cittadini Ue, della Svizzera, della Gran Bretagna e del Principato di Monaco, senza quarantena e senza autocertificazione.
La strada è tracciata e restano da sistemare solo piccoli dettagli, come una eventuale introduzione di limiti e divieti provvisori richiesti da alcune regioni. La spinta è arrivata dal governo che dopo tante titubanze ha approvato un decreto legge con un pacchetto di linee guida racchiuse in un documento di 18 pagine. La nuova norma "delinea il quadro normativo nazionale all’interno del quale, dal 18 maggio al  31 luglio 2020, con appositi decreti od ordinanze, statali, regionali  o comunali, potranno essere disciplinati gli spostamenti delle persone fisiche e le modalità di svolgimento delle attività economiche,  produttive e sociali".
La data importante, dunque, rimane quella di domani, 18 maggio. Quando buona parte delle attività potranno ripartire. Ma a un patto: che vengano rispettate rigorosamente le regole dettate dal governo. A cominciare dalla distanza di 1 metro, in molti casi 2. E soprattutto le misure di igiene. Poi, nei luoghi chiusi bisognerà indossare la mascherina, in molti casi anche i guanti, in altri occorrera misurare la temperatura con il termoscanner. L’Italia guarda anche all’estate e ha previsto la riapertura degli stabilimenti balneari e anche delle spiagge libere.
Il problema, tuttavia, è che molti imprenditori o commercianti non riapriranno. Chi per paura, chi perché economicamente non riesce ad andare avanti dopo la lunga chiusura e teme di dover lavorare in perdita. Secondo un sondaggio di Confesercenti apriranno subito 6 imprese su 10, tra negozi, bar e ristoranti. Le altre attenderanno ancora.
17.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Se il terrore non politico
incide sulle nostre vite
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

I quartieri poveri
di Madrid
non hanno
più luce

Poliziotti violenti
in Francia,
spaccata anche
la maggioranza

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00