function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Trattativa fra l'Armenia e l'Azerbaigian mediata da Mosca
Immagini articolo
Tregua in Nagorno-Karabakh
per contare morti e prigionieri
R.C.


Tregua a singhiozzo fra Armenia e Azerbaigian. Ieri, sabato, alle 10 è entrato in vigore l’accordo per il cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh, la regione del Caucaso situata sull’Altopiano armeno senza sbocco sul mar Caspio, inglobata nell’Azerbaigian. Ma alle 12,05 i contendenti si accusavano di aver già violato la tregua.
È dal 27 settembre che la regione è teatro di scontri. La tregua è stata raggiunta dopo una serie di consultazioni a Mosca tra i ministri degli esteri di Russia, Armenia e Azerbaigian. Il cessate il fuoco dovrebbe aprire la strada ai colloqui per la risoluzione del conflitto.
L’intesa  - riporta l’agenzia Tass  -  è stata annunciata nella notte dal capo della diplomazia di Mosca, Sergei Lavrov, che ha fatto riferimento a un documento firmato dai ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian "con l’obiettivo umanitario di uno scambio di prigionieri di guerra e di altre persone catturate e dei corpi delle persone morte".
Gli scontri in queste due settimane hanno provocato la morte di centinaia di persone Il Nagorno-Karabakh, con popolazione a grande maggioranza armena, è sotto il controllo delle forze sostenute dall’Armenia dalla fine di una guerra separatista nel 1994. Non è la prima volta che si registrano scontri dopo un primo conflitto (1992-94) quando il Nagorno-Karabakh si è costituito come Repubblica dell’Artsakh, non ancora riconosciuta dalla comunità internazionale. Risale al 1994 la firma di un primo accordo a Biškek di cessate il fuoco, accordo violato però  più volte. Uno degli scontri più cruenti si è registrato nel 2016. Segno che stanno riprendendo, a  30 anni dal crollo dell’Urss, i conflitti regionali alla periferia di quello che è stato l’Impero comunista. Conflitti che ci sono sempre stati, ma che erano congelati. Mosca non riesce più a controllare tutto e il Nagorno Karabakh sta diventando un luogo di guerra per procura tra Turchia (che sostiene l’Azerbaigian) e Russia, le due potenze che hanno interessi e influenza sull’area.
10.10.2020


LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Cina un Paese-partito
frenato dai suoi leader
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La tranquilla città
del killer fantasma
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

50 anni fa
moriva
Jim Morrison

Tigre:
allarme Onu
sulla carestia

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00