Il ministro Manuele Bertoli risponde al Plr e apre al dialogo
Immagini articolo
"Sulla scuola voglio
un confronto onesto"
MASSIMO SCHIRA


Non è sorpreso, Manuele Bertoli, dalle  critiche sul progetto "La scuola che verrà" avanzate dai liberali radicali. Per il direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs), però, "la riforma rimane un buon progetto. E anche sulle critiche voglio rimanere positivo - dice al Caffè -. Dalla consultazione mi attendo un confronto onesto, per capire su quali aspetti si possono eventualmente trovare punti di convergenza e apportare, se del caso, modifiche".
Un primo punto "caldo" riguarda l’assenza di confronti intercantonali. Che ne dice?
"La scuola ticinese è molto diversa da quella degli altri cantoni. E lo è per l’impostazione data al sistema scolastico quando alla direzione del dipartimento c’era proprio il Plr. Faccio un esempio: in quasi tutti i cantoni è ancora in vigore il sistema con scuola maggiore e ginnasio. Cosa che in Ticino è stata superata 40 anni fa".
Altro elemento è una certa contrarietà all’eliminazione della licenza di scuola media e della media obbligatoria per accedere all’insegnamento medio superiore. Perché toglierle?
"Questa è una decisione politica, su cui certamente ci confronteremo".
Quale valutazione ha portato, ad esempio, a rinunciare alla media del 4,65 per avere accesso al liceo?
"Spesso è una scelta che ci si rivolta contro. Mi spiego: i ragazzi che non hanno ancora le idee chiare, ma hanno la media necessaria, spesso finiscono al liceo. Ma la media non è garanzia di successo. È una certificazione che può dare anche ‘false sicurezze’".
Che direzione prendere, allora?
"Più che altro la volontà è quella di spingere tutte le persone coinvolte, dai genitori ai ragazzi, passando per i docenti, ad un esame più completo alla fine della quarta media. Chiaramente la scelta finale resta individuale, ma formulando le giuste raccomandazioni, si possono migliorare molte cose".
Secondo il Plr, tutto sommato la scuola ticinese svolge già oggi bene il suo compito. Lasciamo tutto com’è, quindi?
"Beh, questa è un’opinione del Plr. Io credo che in un mondo che sta vivendo cambiamenti così rapidi e radicali, la scuola debba sapersi adattare in modo che la formazione sia in grado di rispondere alle nuove sfide professionali e alle sempre maggiori incognite. Ad esempio, con un post-obbligatorio sempre più flessibile. E, in questo senso, non possiamo non avere un programma per rafforzare la scuola dell’obbligo".
Cosa ne pensa dell’accusa di "egualitarismo" lanciata al progetto?
"È una critica sbagliata. Cioè il progetto è egualitarista se con questo concetto si intende dare una chance uguale a tutti. Ma ognuno, poi, deve però camminare con le proprie gambe. Ma ai docenti vanno assicurate le condizioni quadro per seguire tutti, dai più deboli ai più bravi. Nella critica vedo un equivoco di fondo".
Un ultimo aspetto toccato dalle critiche è quello dei livelli. Come orientarsi in futuro?
"Si tratta di capire cosa si vuole. Oggi solo matematica e tedesco sono ancora regolati con il vecchio sistema a livelli. La proposta di procedere a scelte opzionali è interessante, a condizione di non creare percorsi di serie A e di Serie B. Non vogliamo una segregazione dei ragazzi, né che tutti vadano al liceo. Ma che si offra una chance a tutti di decidere che strada prendere solo dopo quarta media".

m.s.
12.03.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
10.12.2018
Monte Mondada/Spruga-Onsernone - coordinate 686/117 - Predazione 1 capra
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile