Solo 8 anni in governo, un'idea che divide la politica
Immagini articolo
È scattata l'ora
dei ministri a tempo
LIBERO D'AGOSTINO


Più decisionismo e meno attaccamento alle poltrone; più produttività politica e meno rischi di favoritismi e clientelismi; meno incrostazioni di potere e più ricambio generazionale con maggiori stimoli all’impegno istituzionale. Sono questi i vantaggi sottolineati nell’iniziativa parlamentare presentata dai deputati Sergio Morisoli e Paolo Pamini, Area Liberale, per fissare un limite massimo di 8 anni alla carica di consigliere di Stato. Per riassumere lo spirito della proposta, meno politici che guardano solo alle prossime elezioni e più statisti capaci di guardare, invece, alle prossime generazioni, come ammoniva Alcide De Gasperi, uno dei padri della Repubblica italiana.
A chi obietta che solo otto anni di permanenza in Consiglio di Stato rischiano di compromettere la continuità nell’azione governativa e amministrativa, in un Paese in cui alcune riforme sono passate dal tavolo di diversi ministri, si pensi, ad esempio, ai nuovi orari dei negozi o alla pianificazione ospedaliera, Morisoli replica: "Sono proprio questi casi a dimostrare che ciò che non si riesce a fare in due legislature non si riuscirà a farlo nemmeno in quattro". Sulla continuità dell’azione governativa anche con ministri "a tempo determinato",  Morisoli non ha dubbi: "È l’amministrazione pubblica a garantire la continuità amministrativa e gestionale e non i direttori dei dipartimenti". Applicando quanto chiesto dall’iniziativa, oggi ben tre ministri, Manuele Bertoli, Norman Gobbi e Paolo Beltraminelli sarebbero alla scadenza del loro mandato. Altro che le quattro legislature inanellate dal leghista Marco Borradori o i quasi 40 anni ininterrotti in governo del "Padreterno" del Ps, Guglielmo Canevascini.
Secondo Morisoli non ci sarebbero neanche problemi nel reperire la "materia prima" per assicurare  il ricambio in governo. "Sebbene si parli spesso della crisi della politica di milizia e della scarsa propensione all’impegno istituzionale - afferma-, saremmo davvero messi male se non si riuscissero a trovare delle facce nuove ogni 8 anni. Ciò non farebbe onore al Paese. Il vero problema è se la politica vuole davvero dare spazio a dei volti nuovi o, invece, perpetuare soltanto posizioni di potere".Ovviamente, quella di AL è un proposta che divide (vedi articoli a lato), per alcuni 8 anni sono pochi, ad un ministro per fare bene il suo lavoro ne servirebbero almeno 12, per altri non è questo il problema principale oggi, mentre c’è anche chi la giudica un’ipotesi interessante sebbene presenti alcune controindicazioni.

l.d.a.
19.03.2017


IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
S'investa sui migranti,
una fantastica risorsa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Terrore continuo...
si onora il Ramadan
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
20.06.2017
Pubblicata la statistica finanziaria "i conti dei comuni nel 2015"
14.06.2017
Pubblicato il nuovo sito tematico "Circonvallazione Agno-Bioggio" [www.ti.ch/circonvallazione]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch