Sedici emendamenti di Pronzini per chi indagherà su Argo
Immagini articolo
"Scegliere i commissari
spetta al parlamento"
STEFANO PIANCA


Giorgio Galusero, Claudio Franscella, Carlo Lepori, Tiziano Galeazzi, Michela Delcò Petralli, Michele Foletti... È la prevista squadra messa in campo dai gruppi parlamentari per indagare sul caso Argo. Sei nomi proposti da sei partiti e inseriti nel decreto esecutivo su cui domani, 6 novembre, il Gran consiglio dibatterà. Ma il sestetto, prendere o lasciare, lascia molto perplesso, per non dire contrariato il deputato mps Matteo Pronzini. A far discutere non è tanto la presenza di Galeazzi, fortemente voluto dal suo partito nonostante risulti tuttora indagato in Italia nell’ambito dell’inchiesta "Pecunia Olet".
No, a traballare, secondo Pronzini, è l’architettura stessa della Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) così come concepita dalle forze politiche. In particolare il deputato mps  contesta il metodo d’elezione in blocco dei commissari (senza procedere per votazione sui singoli),  il loro numero pari (dunque non ottimale se si dovesse decidere a maggioranza) e il campo d’indagine troppo ristretto concesso dal mandato. "Lo spirito di una Commissione d’inchiesta è decisamente diverso da quello delle normali commissioni. Bisogna rompere la logica di voler inserire rappresentanti di tutti i partiti e scegliere invece i commissari per compenza" dice Pronzini al Caffè.
Da qui una pioggia di emendamenti, sedici, su cui il parlamento sarà chiamato a pronunciarsi. In particolare contestato è il perimetro, il solo caso Argo, su cui la Cpi dovrà far luce. L’emendamento 1 chiede invece di estendere il mandato, sostituendo nel decreto il riferimento "al caso legato" al settore dell’asilo, con la più ampia indicazione "alla gestione del settore dell’asilo". Non basta insomma, per Pronzini, focalizzarsi solo sull’ambito della sicurezza, affidato ad Argo, ma va indagato anche l’operato degli altri attori coinvolti nella gestione di quello che è stato ribattezzato il "business" dei profughi. Dunque i mandati, anch’essi diretti e non passati dal governo, per vitto, alloggio e pulizia (da qui l’aggiunta, emendamento 2, della specificazione "altre commesse").
Ma l’aspetto su cui ci sarà battaglia sarà, naturalmente, quello dei nomi da inserire nella Cpi. Per Pronzini è pacifico che una votazione del decreto in modo palese con già tutti i nomi indicati dai gruppi sia contraria alla legge. E in particolare  agli articoli 39 e seguenti della Legge sul Gran consiglio. Secondo l’emendamento 16 "occorre procedere a una formale elezione, a scrutinio segreto, dei singoli membri e del presidente" e ciò indipendentemente dal numero dei candidati per rapporto ai posti disponibili. Che in teoria sarebbero 6. Un numero pari che Pronzini boccia. Da qui la sua proposta (emendamento 15) di "una riduzione del numero di membri a 5. Un numero dispari garantirebbe maggiore democrazia nel gremio, evitando di conferire al presidente la facoltà di decidere in caso di parità di voti".
05.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta