L'analisi
Goffaggine di Cassis
soltanto apparente
CHANTAL TAUXE


Le reputazioni si sciolgono ancora più velocemente dei ghiacciai. Qualche mese fa, giornali e tv svizzeri erano soddisfatti e sottolineavano il fatto che Ignazio Cassis parlasse più spesso e più chiaramente del suo predecessore in politica estera, Didier Burkhalter. Apriti cielo, un mese dopo lo scenario è cambiato ed è stato rimproverato a Cassis di aver parlato troppo. Sulla gestione dei rifugiati palestinesi o sulle misure di accompagnamento. Poi ha anche sostenuto l’esportazione di armi verso i Paesi in guerra (con almeno altri tre consiglieri federali) e corretto una relazione dell’amministrazione sullo sviluppo sostenibile. Così le critiche sono aumentate. Il ticinese, è stato detto, sarebbe ancora in una fase di apprendimento, non avrebbe la sensibilità del ruolo che ricopre, e la sua carriera professionale e parlamentare in questo non l’avrebbe aiutato.
Di solito ai diplomatici basta poco per dire che un consigliere federale fa i capricci. Da Pierre Aubert a Ignazio Cassis, passando per Micheline Calmy-Rey, la critica al dilettantismo è una prerogativa di questa funzione ministeriale. Per i professionisti del trading che misurano attentamente ciascuna delle parole pubbliche, un politico, chiunque sia e qualunque cosa dica, parla sempre troppo. Le dichiarazioni sugli aiuti dell’agenzia delle Nazioni Unite ai profughi palestinesi e sul sogno irrealistico di un loro ritorno in Palestina, hanno fatto scalpore. Queste osservazioni sono state riformulate dal Consiglio federale. Potrebbero mettere a repentaglio la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell’Onu, prevista per il 2022. Ma è forse in questo frangente che si deve cercare la causa del candore del ministro. Dietro il "siluro" all’Onu di Cassis potrebbe esserci un suo impegno, garantito prima della sua elezione, con l’Udc, che è contraria alla partecipazione della Svizzera ai forum internazionali.
Per quanto riguarda la politica europea, beh, in quest’ambito è come muoversi dentro una boutique di porcellana: sposti goffamente una tazza e rischi di far danni. Siamo nella fase finale della negoziazione tecnica dell’accordo quadro con l’Unione europea, dove i mandati negoziali devono essere interpretati come estendibili, simili alla maglia di un difensore tirata durante i Mondiali di calcio. Bisogna ottenere un risultato a qualsiasi prezzo.
L’uscita di Ignazio Cassis sulla regola degli 8 giorni che ha scatenato l’ira della sinistra e dei sindacati non è una provocazione. Il radicale liberale così ha preso due piccioni con una fava. Ha fatto notare all’Ue che il margine di manovra per facilitare il sistema era limitato. E ha messo in guardia gli svizzeri spiegando che nell’era delle applicazioni digitali, è possibile rendere più veloci gli accordi per i lavoratori distaccati. L’imbarazzo è solo apparente. Se la sinistra protesta così ardentemente, è nella speranza di negoziare un risarcimento a un suo futuro riallineamento. Da entrambe le parti su queste "turbolenze" c’è quindi molto teatro e tattica.
24.06.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi