L'analisi
Goffaggine di Cassis
soltanto apparente
CHANTAL TAUXE


Le reputazioni si sciolgono ancora più velocemente dei ghiacciai. Qualche mese fa, giornali e tv svizzeri erano soddisfatti e sottolineavano il fatto che Ignazio Cassis parlasse più spesso e più chiaramente del suo predecessore in politica estera, Didier Burkhalter. Apriti cielo, un mese dopo lo scenario è cambiato ed è stato rimproverato a Cassis di aver parlato troppo. Sulla gestione dei rifugiati palestinesi o sulle misure di accompagnamento. Poi ha anche sostenuto l’esportazione di armi verso i Paesi in guerra (con almeno altri tre consiglieri federali) e corretto una relazione dell’amministrazione sullo sviluppo sostenibile. Così le critiche sono aumentate. Il ticinese, è stato detto, sarebbe ancora in una fase di apprendimento, non avrebbe la sensibilità del ruolo che ricopre, e la sua carriera professionale e parlamentare in questo non l’avrebbe aiutato.
Di solito ai diplomatici basta poco per dire che un consigliere federale fa i capricci. Da Pierre Aubert a Ignazio Cassis, passando per Micheline Calmy-Rey, la critica al dilettantismo è una prerogativa di questa funzione ministeriale. Per i professionisti del trading che misurano attentamente ciascuna delle parole pubbliche, un politico, chiunque sia e qualunque cosa dica, parla sempre troppo. Le dichiarazioni sugli aiuti dell’agenzia delle Nazioni Unite ai profughi palestinesi e sul sogno irrealistico di un loro ritorno in Palestina, hanno fatto scalpore. Queste osservazioni sono state riformulate dal Consiglio federale. Potrebbero mettere a repentaglio la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell’Onu, prevista per il 2022. Ma è forse in questo frangente che si deve cercare la causa del candore del ministro. Dietro il "siluro" all’Onu di Cassis potrebbe esserci un suo impegno, garantito prima della sua elezione, con l’Udc, che è contraria alla partecipazione della Svizzera ai forum internazionali.
Per quanto riguarda la politica europea, beh, in quest’ambito è come muoversi dentro una boutique di porcellana: sposti goffamente una tazza e rischi di far danni. Siamo nella fase finale della negoziazione tecnica dell’accordo quadro con l’Unione europea, dove i mandati negoziali devono essere interpretati come estendibili, simili alla maglia di un difensore tirata durante i Mondiali di calcio. Bisogna ottenere un risultato a qualsiasi prezzo.
L’uscita di Ignazio Cassis sulla regola degli 8 giorni che ha scatenato l’ira della sinistra e dei sindacati non è una provocazione. Il radicale liberale così ha preso due piccioni con una fava. Ha fatto notare all’Ue che il margine di manovra per facilitare il sistema era limitato. E ha messo in guardia gli svizzeri spiegando che nell’era delle applicazioni digitali, è possibile rendere più veloci gli accordi per i lavoratori distaccati. L’imbarazzo è solo apparente. Se la sinistra protesta così ardentemente, è nella speranza di negoziare un risarcimento a un suo futuro riallineamento. Da entrambe le parti su queste "turbolenze" c’è quindi molto teatro e tattica.
24.06.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento