Il confronto tra due protagonisti della storia americana
Immagini articolo
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
LORETTA NAPOLEONI


Tutti i presidenti repubblicani hanno usato come metro di misura del loro successo il raffronto con Ronald Reagan, considerato il più grande presidente di questo partito. E naturalmente a Donald Trump piace molto l’idea di essere la reincarnazione moderna di Reagan e di prenderne il posto nell’Olimpo presidenziale alla fine del suo secondo mandato.

Due Presidenti Sui Generis con simpatie democratiche
Come Ronald Reagan la carriera politica di Donald Trump segue un tracciato particolare. Entrambi sono entrati in politica dopo aver lavorato nel mondo dello spettacolo. Inizialmente appartenevano al partito democratico ma hanno cambiato bandiera per essere eletti. Prima di Trump, Reagan è stato il presidente più anziano mai eletto, il primo divorziato - Trump ha due divorzi alle spalle - e quello che ha abbracciato apertamente la comunità evangelica, punto di riferimento importante anche per Donald Trump. Infine, mentre era alla Casa Bianca la famiglia di Reagan era alquanto disfunzionale, lo stesso si può dire di quella di Trump.

Performance Politica ma con stili differenti
Nonostante all’indomani della sua elezione Reagan venne criticato per il suo passato di attore, il 40esimo presidente degli Stati Uniti era un vero politico. Si era fatto le ossa nel sindacato dello spettacolo ed era stato governatore della California per due mandati. Lo stesso non si può dire del 45esimo presidente, la sua partecipazione politica prima di essere eletto è stata limitata a sostenere finanziariamente la candidatura di politici che gli facevano comodo per i propri affari. Da buon politico, Reagan conosceva bene i protocolli di etichetta e quelli della capitale americana, che sono piuttosto rigidi. Sapeva leggere con scioltezza da un teleprompter e recitare i discorsi con pathos, usava le parole di chi gli scriveva i discorsi come le perle di un rosario. Trump, invece, ignora volutamente tutti i protocolli, improvvisa e parla a braccio usando un linguaggio semplice, non presidenziale, e con eccessivi superlativi.

Il protezionismo nella Politica Estera
Ronald Reagan aveva una visione chiara della Guerra Fredda che ha comunicato magistralmente all’elettorato. Per lui l’Unione Sovietica era un sistema malefico perché privava i cittadini dei diritti umani fondamentali, quelli legati alla libertà. Usando la leva delle comunità evangeliche, Reagan convinse gli americani a non liquidare la corsa agli armamenti ed a non abbandonare la lotta tra il bene ed il male. Durante la sua presidenza spiegò continuamente l’importanza strategica della difesa americana per la sicurezza a prescindere dalla Guerra fredda. Fu grazie a questa retorica, che quando l’Urss implose tutti pensarono che il crollo fosse dovuto a Reagan che incessantemente ne aveva picconato le fondamenta.
La politica estera di Trump al massimo può essere definita una sorta di neo-tribalismo. La società non è costituita da individui legati insieme da un sistema di leggi, ma da gruppi sociali definiti da legami di sangue e cultura che interagiscono l’uno con l’altro in un’arena globale. Come nelle famiglie amori ed odi si susseguono. Ed ecco spiegato perché Kim Jong-un da nemico acerrimo diventa il miglior amico di Trump. A livello nazionale la regola è il protezionismo poichè il sistema è altamente competitivo. Il motto diventa "ogni Paese per sé". E dato che gli Usa sono l’economia più grande al mondo ed hanno un distinto vantaggio sulle altre nazioni è giusto che siano loro a predominare. Una sorta di politica estera dei prepotenti, insomma.

L’Economia diventa uno strumento politico
L’economia è uno strumento politico, è quanto pensava Reagan e certamente è quello che pensa Trump. Ma il primo aveva un maggior margine di manovra. In un nuovo libro di memorie l’ex presidente della Federal Reserve, Paul Volcker, ha raccontato le intense pressioni del presidente Ronald Reagan. A Volker fu letteralmente ordinato di non alzare i tassi d’interesse prima delle elezioni del 1984. Anche se Donald Trump ha duramente criticato la Fed per i recenti aumenti dei tassi d’interesse, gli attacchi sono stati facilmente respinti dall’attuale presidente della Fed, Jerome Powell che ha mantenuto l’autonomia ed l’indipendenza dell’istituzione sotto la sua guida.
04.11.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur