Il partito ambientalista è ormai l'alternativa alla Merkel
Immagini articolo
I "flessibili" verdi
invadono la Germania
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Forse non non tutti se ne sono accorti ma la Germania si va colorando sempre più politicamente di verde. Certo, al Bundestag di Berlino si consuma una sempre più pallida "Grosse Koalition" fra la Kanzlerin Merkel e quel che resta dei socialdemocratici. Una Spd crollata ormai al 15 per cento delle simpatie. Ma nell’Assia, la regione di Francoforte, si è appena insediato il secondo governo "nero-verde" del premier Volker Bouffier, la cui Cdu ha raccolto ad ottobre il 27 per cento dei voti, l’11 per cento in meno delle ultime elezioni. Mentre i Grünen del pimpante Tarek Al-Wazir, vicepremier e ministro dell’economia, il 19,8 per cento, il 9 per cento in più.
Un trend in ascesa questo dei Verdi e delle loro coalizioni che si espande in tutta la Repubblica federale: alle recenti elezioni in Baviera, in cui i matador della Csu hanno incassato una batosta storica (vedi articolo a fianco), i Grünen hanno accumulato sempre ad ottobre il 17,5 per cento dei voti. E nella regione più Higt-tech della Germania, in quella di Stoccarda in cui si producono le Mercedes e le Porsche, c’è il verde Winfried Kretschmann al governo e con ottimi risultati visto che alle ultime elezioni del 2016, i Verdi hanno spuntato nel Baden-Württemberg il 30 per cento.
Città rette da Oberbürgermeister verdi poi o da giunte "nero-verde" con la Cdu non sono più una novità: dal 2003 Kiel e Kassel, poi Francoforte o Bonn, oggi Köln o Treviri hanno governi del genere. A livello dei Länder invece i Verdi siedono già in 9 dei 16 parlamenti regionali e in ben sette coalizioni diverse, governando con la Spd a Brema o Amburgo, o con la Cdu e i liberali nello Schleswig-Holstein. "Fra i partiti tedeschi - ha scritto Der Spiegel - sono i Verdi oggi i più flessibili e formano coalizioni sia a sinistra che destra". L’importante per i Grünen del 21° secolo, guidati ora da un "duo" così pragmatico come Robert Habeck e Annalena Baerbock, è di non esser più percepiti come "il partito del caos", in eterna zizzania fra ecologisti radicali e realisti. Ma come un vero partito popolare che al governo ci sa stare, ed è soprattutto stanco - dopo l’ultima esperienza con Gerhard Schröder e il verde Joschka Fischer - di 13 anni di opposizione al Bundestag di Berlino.
Non è un caso se il libro di Habeck si intitola: "Patriottismo, un pladoyer di sinistra". Oltre al cavallo di battaglia dell’ambientalismo infatti, sono i temi della sicurezza e di una politica migratoria con regole più chiare quelli su cui ora i Verdi insistono. Nel nuovo programma stilato dal governo "nero-verde" in Assia ad esempio si parla di 1.000 nuovi posti per la polizia e di più "controlli videocamere" nelle città. Oltre ad investimenti per 2 miliardi di euro, da qui al 2024, in edilizia popolare; nuove scuole a tempo pieno e più professori nelle università. Il risultato di questo nuovo mix dei Verdi a base di più sicurezza e politica sociale? Prima di tutto il fatto che, dallo scorso novembre, loro sono montati nei sondaggi al 22 per cento, surclassando quindi la Spd.
E poi che oggi una coalizione "nero-verde" appare auspicabile a livello nazionale per sempre più tedeschi, nei sondaggi almeno, un governo Schwarz-Grün a Berlino avrebbe ora la maggioranza. Segno che l’era Merkel, e degli eterni matrimoni con la Spd, è finita. E che i Verdi, da hippies ribelli e casinisti quali erano, sono cresciuti. E sono pronti a riprendersi il governo di Berlino magari insieme ad Akk, Annette Kramp-Karrenbauer, la nuova presidente della Cdu, già vista dal 48 per cento dei tedeschi come futura Kanzlerin. Ma di un governo "nero-verde".
10.02.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00