L'appello del presidente Fiorenzo Dadò al congresso
Immagini articolo
"Il Ppd non lascerà
il posto  in governo"
CLEMENTE MAZZETTA


Dimenticare Argo1. Con un programma elettorale tutto sconti fiscali, sussidi, esoneri tasse, defiscalizzazioni, i popolardemocratici hanno  lanciato, ieri, sabato, a Castione, la campagna per la riconferma del seggio in governo. "Il Ppd ha ancora molto da dire e non ha intenzione di lasciare il posto che gli aspetta", ha detto il presidente del partito Fiorenzo Dadò, che ha parlato degli attacchi subiti: "Sirene di disprezzo  e di odio che hanno purtroppo ammaliato anche alcuni amici".  Il seggio in governo non sarà in discussione, ma  pare davvero in gioco. A sfidare Paolo Beltraminelli, il più "attrezzato"  dei pretendenti è parso Raffaele de Rosa. Non solo perché ha catalizzato l’attenzione dei circa 600 partecipanti con un discorso sulle radici di un Ticino "onesto e operoso" - quello delle mani callose del padre operaio alla Monteforno,  della madre operaia in una fabbrica,  del nonno contadino - ma perché all’uscita una supporter distribuiva scientificamente  a tutti il suo "santino". A  Beltraminelli, l’assemblea ha però garantito un lungo e convinto applauso. Il ministro uscente ha rivendicato la riforma sociale come "uno dei maggiori risultati di questa legislatura", assieme al risanamento delle finanze. Dopo aver parlato della responsabilità sociale che  ha caratterizzato la sua azione politica, e di rispetto dell’ambiente, ha invitato a "resistere e a non aver paura". Per convincere e autoconvincersi. In precedenza Dadò ha avuto parole di fuoco sul caso del funzionario statale condannato per coazione sessuale. "Un fatto di abusi e omertà a danni di alcune ragazze all’interno dell’amministrazione cantonale, sui quali il giudice Marco Villa, ha sentito il dovere morale di scusarsi pubblicamente a nome dello Stato", ha ricordato Dadò,  assicurando che il Ppd "non permetterà che venga coperto dalla sabbia".
Quindi è stato illustrato il programma, le cui proposte "pratiche e realizzabili" erano state elaborate nella mattinata prima del congresso. Si tratta di undici punti, che vanno dall’introduzione dello sconto fiscale per i premi delle casse malati, all’aumento dell’assegno bebé da 3 a 5 mila franchi, al congedo paternità di due settimane, all’esonero per gli anziani della tassa sui cani. Ancora: dall’abbonamento generale sui mezzi pubblici a 100 franchi per gli anziani, alla costituzione di un fondo di 10 milioni per la formazione digitale nella scuola. Dall’istituzione della corte dei conti, agli incentivi per i disoccupati, all’aumento del 10% dei posti temporanei nelle case per anziani. E poi, ovviamente, il cavallo di battaglia: "L’imprescrittibilità dei reati gravi contro l’integrità sessuale". A portare i saluti del partito nazionale è intervenuto il presidente Gerhard Pfister, critico sui partiti  e sul governo: "La svizzera ha un Consiglio federale, ma non un governo".  
Poi è stata la volta dei candidati al consiglio di Stato. Alessandra Zumthor, che indossava una giacchetta azzurra, ha richiamato ai valori della dottrina sociale della chiesa.  Michele Rossi, ha parlato di un Ppd partito del meglio "contro quelli del peggio",  e della necessità di incamminarsi "sul sentiero della concretezza, abbattendo gli steccati verso gli altri partiti". Elia Frapolli ha giocato la carta della semplicità "sottolineando la necessità di "riscoprire la fiducia sul futuro".
A seguire la kermesse con i 90 candidati in Gran Consiglio. cmazzetta@caffe.ch
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14