Le sfide politiche da destra a sinistra passando dal centro
Immagini articolo
Tutti i faccia e faccia
delle elezioni nazionali
CLEMENTE MAZZETTA


La politica come un torneo di tennis. Con tanto di sfide incrociate ad eliminazioni progressive. Dove non basta vincere il primo turno per conquistare l’elezione.
A sinistra lo scontro tutto interno è fra Franco Cavalli, il "rosso antico" e Greta Gysin, la "verde": entrambi in corsa per approdare al Nazionale. Ma c’è anche quello per il Consiglio degli Stati fra Gysin e Marina Carobbio, esponente della sinistra e leader incontrastata del Ps, che gode di una grande popolarità per l’anno vissuto come presidente del Consiglio nazionale.  In verità il ticket dovrebbe lanciare Carobbio con il vento in poppa per la sfida contro Giovanni Merlini (Plrt) e rafforzare Gysin contro Cavalli con cui si presenta nella lista "Verdi e Sinistra alternativa". L’oncologo, ex consigliere nazionale socialista, è da sempre "battitore libero": con il suo "Forum per l’alternativa" assieme ai Verdi, comunisti, socialisti, compone il listone della sinistra (7 liste per una decina di partiti) che ragionevolmente può sperare di raddoppiare. Proprio la mancata congiunzione fra "rossi" e "verdi" da due legislature ha impedito il raddoppio dei seggi. La sfida interna è dall’esito incerto. Ma di certo Cavalli, che gode di un forte consenso trasversale in Ticino (nel 2007 in lista per gli Stati con oltre 33mila preferenze arrivò a 450 voti da Filippo Lombardi), non pare essersi candidato per stare a guardare.  
La partita più significativa per gli equilibri politici cantonali è però quella che, dietro i sorrisi di facciata, viene combattuta a destra, fra Battista Ghiggia, Lega, e Marco Chiesa, consigliere nazionale Udc. Ghiggia, candidato per il Consiglio degli Stati quattro anni fa aveva fatto sentire il fiato sul collo ai due esponenti dei partiti di centro Fabio Abate (Plr) e Filippo Lombardi (Ppd). Ora è stato riproposto dopo un lungo corteggiamento da parte della Lega. Nel 2015 gli mancarono 1.644 voti per il colpaccio, per defenestrare  il candidato liberale, come fece Giorgio Morniroli nel 1991, primo e unico consigliere agli Stati della Lega. Fu comunque un successo: Ghiggia tallonò Filippo Lombardi, il senatore del Ppd ormai in "sella" da vent’anni, arrivando vicino, a meno di duemila voti. Sarà però difficile per il candidato leghista replicare quella performance. Non tanto per gli scheletri nell’armadio scoperti dalla stampa (aver sostenuto la preferenza indigena pur avendo assunto frontalieri, cosa che anche Giuliano Bignasca faceva tranquillamente per le sue aziende), quanto  per alcune dichiarazioni improvvisate. In particolare per aver sostenuto, nel corso della trasmissione televisiva "La mia Svizzera" (Rsi), di essere favorevole ai salari minimi solo per i ticinesi. Non per i frontalieri che, secondo Ghiggia, dovrebbero esser pagati di meno. Quanto? Con un salario simile a quello italiano. Un provvedimento del genere, la possibilità per le imprese di assumere personale d’oltre confine pagandolo molto meno dei residenti, potrebbe trasformarsi in un incentivo al dumping salariale. Con il rischio di vedere in poco tempo aumentare i 66mila frontalieri.
Inoltre Ghiggia, che 4 anni fa era sostenuto da Lega e Udc (ma poi era sparito nel nulla), si trova confrontato in prima battuta con Chiesa, che partendo da una base elettorale minore (11% circa) ha un profilo personale politico che appare più coerente. Un percorso tutto interno all’Udc partendo dal consiglio comunale di Villa Luganese, approdando in Nazionale. È vicepresidente del partito, nonché promotore dell’iniziativa "Prima i nostri". Messo a confronto con Lombardi e Merlini, che si presentano nel ticket Ppd-Plrt, Chiesa appare come un’alternativa credibile a destra. Alla stessa stregua di Carobbio, contrapposta a Merlini per gli Stati, che potrebbe diventare la prima donna ticinese agli Stati.
c.m.
06.10.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00