In Olanda si blocca la produzione di farmaci alla marijuana
Immagini articolo
Malati in astinenza
da cannabis terapeutica
MATTEO BASTIANELLI


Le scorte di medicinale sono finite, non di tutte le varietà fortunatamente, ma il Bediol, cannabis terapeutica prodotta dalla ditta olandese Bedrocan, unica azienda a livello mondiale a offrire cannabis standardizzata a uso medico completamente germogliata, non tornerà nelle farmacie europee fino al prossimo ottobre. Con tutte le dovute preoccupazioni dei pazienti che dovranno farne a meno. "A causa di problemi con la consistenza del ceppo Bediol - afferma l’azienda olandese - gli ultimi raccolti non rispettavano gli standard. Per risolvere questo problema il nostro coltivatore ha bisogno di tempo per piantare nuove talee e ricominciare la fase di crescita". La notizia è stata confermata dal Ministero della Sanità olandese. Bisogna però fare un passo indietro. La storia millenaria sull’uso medico della canapa non è stata d’insegnamento, infatti dall’avvento del proibizionismo molte conoscenze sulle sue svariate proprietà curative sono andate in fumo.
Da alcuni anni, però, malati, associazioni e pochi medici stanno tentando di far recuperare questa eredità legata alla cannabis terapeutica, facendo pressione sui governi per rendere possibile e legale ovunque l’utilizzo a scopo terapeutico. Dalla capacità di lenire nausea e vomito dovuti all’azione di agenti antitumorali, al trattamento di rigidità e spasticità muscolare per i malati di sclerosi multipla e quadriplegia, al trattamento di glaucoma, analgesia, crisi d’ansia, mancanza di appetito e stati convulsivi, oggi la cannabis è tornata a essere una terapia tanto promettente quanto difficile da reperire, in particolare per i pazienti europei. La mancanza della materia prima è un fattore fondamentale.
In Italia, ad esempio, la produzione dello stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze non è in grado di soddisfare la domanda interna: vengono prodotti circa 10 kg l’anno, a fronte di un fabbisogno di oltre 100 kg. La canapa terapeutica è legale anche in Svizzera, sotto controllo medico, e la varietà in commercio non ha effetti psicoattivi, grazie al bassissimo contenuto di Thc (0,9%) e a un alto contenuto di cannabidiolo (Cbd). In Italia, come in Germania, Finlandia, Canada e Repubblica Ceca, si è costretti a importare le varietà prodotte nei Paesi Bassi, ma nei vari passaggi di mano i prezzi in farmacia diventano troppo elevati. La situazione cambia poi da Paese a Paese, in base alle decisione del legislatore, e in Italia addirittura di regione in regione. La Toscana e la Puglia sono all’avanguardia, molte altre, compresa la Sicilia, ancora totalmente impreparate. Tanti gli interessi in gioco e al centro del dibattito politico: dalle lobby farmaceutiche a quelli della criminalità organizzata.
Chi può reperirla dietro prescrizione medica gratuita in farmacia, come Alberico Nobile, 34 anni, tetraplegico a causa di un incidente stradale e residente a Talsano, in provincia di Taranto, deve ringraziare il proprio Servizio sanitario regionale. C’è chi poi si sta organizzando per l’auto-coltivazione, come Andrea Trisciuoglio e gli altri soci di "LapianTiamo", primo cannabis social club italiano che punta a produrre cannabis terapeutica per i malati italiani a 1,55 euro al grammo, contro i 25-30 euro delle farmacie. Ma in Sicilia per un malato di sclerosi multipla come Alessandro Raudino, 34 anni, che ne consuma circa 3 grammi al giorno, è economicamente insostenibile acquistare sia la cannabis di Stato che quella di importazione olandese, e senza l’esenzione del sistema sanitario è impossibile curarsi. Il 28enne Christian Ferri si trova nella stessa situazione. Ha avuto un gravissimo incidente stradale nel 2006, ma non gli è stata riconosciuta a pieno la sua invalidità. Da anni porta avanti atti di disobbedienza civile per sensibilizzare l’opinione pubblica.
Pur avendo prescrizione medica per l’uso di cannabis è un auto-coltivatore perché disoccupato e senza pensione, non può e non vuole acquistare cannabis a prezzi esorbitanti in farmacia. A farne le spese sono i malati, che si trovano quindi a un bivio: coltivarla illegalmente rischiando il carcere o reperirla dal mercato nero. Ma in strada al vantaggio del prezzo di acquisto più basso corrisponde una totale mancanza di informazioni sulla quantità di principio attivo e sulla qualità delle infiorescenze, fattore fondamentale nella terapia, sia che vengano utilizzate tramite vaporizzatori, rollate nelle più comuni sigarette, o per ricavarne estratti di olio e capsule. Passerà del tempo prima che i governi riescano a colmare le loro lacune nella regolamentazione di produzione e commercio di cannabis usata a scopo medicinale, nel frattempo i pazienti sono costretti a fare i conti con tutte  queste problematiche, compresa la mancanza del Bediol dagli scaffali delle farmacie.
25.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se la democrazia
è a colpi di canone
L'INCHIESTA

"Troppe espulsioni
sgretolano le famiglie"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Al miliardario velista
il "flash" costa caro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Risiko criptovalute
simulando Wall Street
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio