I progetti per aggirare l'embargo e combattere i tumori
Immagini articolo
Ricerca e ospedali
dalla Svizzera a Cuba
GIOIA MINUTI DA L'AVANA


Franco Cavalli li ricorda bene quei giorni passati tra un ospedale e l’altro alla fine degli anni ‘80. "Cuba allora era all’avanguardia, in quattordici province c’era almeno un apparecchio per la radioterapia", racconta l’oncologo ticinese presidente di MediCuba Europa, una rete di cooperazione presente in 15 Paesi che promuove gli aiuti umanitari nel settore sanitario con l’Avana. E che è legata a MediCuba, impresa statale nata nel 1962, che appartiene al ministero della salute pubblica. "Prima, era il 1992, è nata MediCuba Svizzera e poi nel 1997 - racconta Cavalli - abbiamo dato vita a MediCuba Europa. Erano anni difficili per Cuba, perché dopo la caduta dell’Unione sovietica, l’isola dovette fare i conti con una crisi drammatica in tutti i campi, sociale, sanitario, economico e politico. Negli ospedali non arrivavano medicinali urgenti, in particolare gli antitumorali pediatrici per i bambini, ma soprattutto i pezzi di ricambio per le apparecchiature mediche. Sullo sfondo di questa situazione difficile bisogna aggiungere un aspetto affatto secondario, come il blocco economico imposto dagli Stati Uniti". Un blocco che ha complicato la cooperazione e ha fatto lievitare i prezzi.
MediCuba, insieme alle sue "filiali" svizzera ed europea, in questi anni ha dato una spinta importante alla sanità dell’isola caraibica. Intanto è stato creato quello che all’Avana chiamano il "Fondo comune", cioè una riserva di denaro che serve per finanziare progetti. E soprattutto per raggiungere gli obiettivi di cinque linee d’azione e strategiche, come la produzione di medicinali, l’assistenza della chirurgia oncologica (a Cuba il cancro è la seconda causa di morte), la ricerca nell’ambito chimico e bio-farmaceutico, quella sugli antitumorali pediatrici, sino al sostegno della Scuola latinoamericana di medicina (Elam), dove studiano gratuitamente giovani stranieri che poi tornano nei propri Paesi d’origine.
"Attualmente abbiamo due grandi progetti - spiega ancora Franco Cavalli - uno riguarda appunto il sostegno all’Elam e l’altro, da due milioni di franchi, punta al rinnovamento tecnologico dei laboratori dell’Istituto Pedro Kourì sulle malattie infettive". Il Pedro Kourì è un centro molto importante per Cuba perché garantisce le vaccinazioni contro le maggiori malattie, provvede a creare nuove figure professionali in ambito medico e, soprattutto, ha una importanza strategica perché forma medici che poi svolgono attività in ottanta differenti Paesi.
Ma l’attività della grande rete di cooperazione e solidarietà internazionale, ha messo in piedi anche diversi altri progetti. Come quello dello sviluppo del centro d’immunologia molecolare che sta studiando la risposta degli anticorpi indotti con vaccinazioni terapeutiche in pazienti con un tumore avanzato. È un lavoro, questo, per lo sviluppo di sistemi biotecnologici per il trattamento del cancro che permetterà di continuare ad approfondire i risultati di tre vaccinazioni terapeutiche.
Cuba punta molto sulla sanità. Sulla preparazione professionale dei suoi medici nelle diverse specializzazioni, sulla ricerca e sulle strutture sanitarie, come ospedali e laboratori, che hanno necessità continua di apparecchiature per tenere il passo con il rapido sviluppo della tecnologia. Non per nulla MediCuba lo scorso anno ha investito 400 milioni di dollari oltre che nel sistema sanitario nazionale anche nelle missioni all’estero. In più MediCuba Europa ha investito nel progetto Ipk, sulla diagnosi microbiologica molecolare, l’equivalente di 350mila euro per acquistare un apparecchio destinato al Dipartimento di parassitologia e l’equipaggiamento di uno dei laboratori provinciali. "A Cuba resta ancora tanto da fare. Perché - spiega Cavalli - dopo le promesse di Barack Obama oggi bisogna fare i conti con la politica di chiusura di Trump".
14.10.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00