function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Ogni giorno due pullman da Milano verso i tavoli da gioco
Immagini articolo
L'Oriente che investe
il Casinò di Mendrisio
ANDREA BERTAGNI


Hanno facce stanche. Qualcuno fuma e si attarda ad entrare. Il resto del gruppo è già smontato dal pullman, partito dopo pranzo da Milano, ed è entrato veloce nelle porte girevoli del casinò Admiral di Mendrisio. Donne e uomini di tutte le età. Soprattutto anziani. Non parlano italiano i cinesi che scelgono la casa da gioco svizzera a poco più di un’ora dalla metropoli lombarda. E chi lo parla fa finta di niente. Perché dentro lo aspetta il "punto banco", il gioco d’azzardo preferito da tutti i compagni di viaggio. E non c’è tempo da perdere. Anche se i bus sono come minimo due al giorno, duecento giorni l’anno. E le scommesse non scappano.
Il cappuccino, quello invece, si raffredda. Come il latte caldo che tutti ordinano al bancone del bar, prima di iniziare a puntare.
"I cinesi? Sono taciturni, non sono espansivi, si limitano alle parole essenziali, ma sono un popolo di giocatori d’azzardo". Andrea Camponovo, gaming manager e responsabile prevenzione sociale, invece parla. Del resto sono dieci anni che a organizzare i bus è la casa da gioco. Così come è sempre il Casinò a offrire ai cinesi un ricco buffet alla fine di ogni giornata. "Siamo andati incontro ai loro gusti anche per quanto riguarda il cibo - spiega Camponovo -, amano molto la pasta lunga e la condiscono con tante salse".
Poco più un là un gruppo è riunito intorno al tavolo "punto banco". In prima fila molte donne. Hanno le facce concentrate. Parlano tra loro. Un uomo con i capelli lunghi si arrabbia. In silenzio. All’improvviso una puntata è vincente. Scoppia un urlo. Poi, un altro. In poco tempo tutti si mettono a urlare. Di gioia. "Stanno a Milano, ma arrivano tutti dalla stessa zona della Cina - prosegue Camponovo -, all’inizio venivano da soli, poi ci siamo accorti che potevamo accoglierli meglio". Ecco perché in certi periodi il Casinò di Mendrisio si trasforma in una casa da gioco di Shangai. "A metà autunno organizziamo la Festa della luna, una ricorrenza molto sentita in Cina, in primavera festeggiamo il Capodanno cinese".
Non sono "giocatori forti" i cinesi che abitano a Milano e scelgono Mendrisio per divertirsi. Non indossano abiti firmati. Non hanno occhiali da sole o gioielli sgargianti. Sembrano più famiglie. "Si conoscono tutti tra di loro - riprende Camponovo -, il lunedì è il giorno di minor affluenza, mentre i mesi caldi sono agosto e dicembre". Caldi o no, la clientela cinese che arriva da Milano rappresenta il 20% del totale, mentre l’80% è composto da italiani. "Facendo una stima possiamo dire che i clienti cinesi sono diverse migliaia all’anno - sottolinea Camponovo -, d’altronde arrivano due bus al giorno con 30-50 persone a bordo".
Il segreto del successo asiatico di Mendrisio, che a fine settembre ha superato la cifra d’affari record di 50 milioni di franchi, ha tante spiegazioni. "La prima è che siamo il Casinò più vicino a Milano, essendo Saint-Vincent, Sanremo e Venezia molto più lontani". La seconda spiegazione sta nell’accoglienza. "È una clientela diversa dalle altre - spiega Camponovo -, va capita". Anche quando si fa prevenzione. E si tengono colloqui individuali. Previsti dalla legge. "Ci facciamo aiutare dagli interpreti, anche se con le nuove generazioni va meglio, capiscono di più la nostra lingua".
Il gruppo che prima era al "punto bianco" si è sciolto. Qualcuno è andato alle slot machine. Qualcun altro è alla roulette. "Sono una clientela tranquilla che non dà problemi, non bevono, al massimo qualche birra". Fuori, il bus che li ha accompagnati sfila davanti all’entrata. Sta tornando a Milano. Per un’altra corsa. Anzi, no. Un’altra puntata.
abertagni@caffe.ch
27.10.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00