function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Reportage dalla città sulla laguna, senza più turismo
Immagini articolo
È morte a Venezia...
e la bellezza sfiorisce
VALENTINA SAINI DA VENEZIA


Noi non vogliamo redditi di cittadinanza. Noi vogliamo solo poter lavorare", dice al Caffè Isabella Tomasi, con l’orgoglio della veneziana doc che ha pianto nel vedere le calli e le piazze deserte per effetto del lockdown. È morte a Venezia, una città, una bellezza struggente che sfiorisce.
Tomasi con il marito gestisce una piccola gastronomia. La bottega trabocca di bottiglie di olio siciliano, cotechini dall’Emilia, vini veneti, insaccati e formaggi (e infatti si chiama "Prosciutto e Parmigiano"). "Non è il coronavirus che rischia di uccidere Venezia, già mezza uccisa del resto - dice Tomasi -. È il crollo degli arrivi. Se qui non tornano i turisti, la città scompare, e chissà a chi svenderanno le spoglie…"
La bottega fa l’80% delle entrate con i turisti. Turisti di medio-alto livello, precisa la commerciante: tedeschi, francesi, svizzeri. "Venezia vive di turismo, e l’unico modo per aiutarla è visitarla. Anche perché il Veneto è la regione più sicura d’Italia: qui c’è l’obbligo della mascherina, ci fanno tamponi su tamponi, noi negozianti continuiamo a sanificare, indossiamo sempre i guanti…"
In effetti è difficilissimo trovare un veneziano senza mascherina. Certo, le calli e i campielli, privi delle orde di turisti, sono silenziosi e piuttosto vuoti. In quasi dieci ore di esplorazione ci si imbatte soprattutto in piccioni poco vitali e gabbiani più docili del solito. Neanche uno straniero. Pochi veneziani, spesso negozianti impegnati a tirare a lucido il proprio esercizio, dopo due mesi di chiusura.
Altri però non riapriranno mai più, perché - come dicono vari negozianti - gli aiuti del governo non arrivano, le bollette si accumulano, e gli affitti sono esorbitanti: botte di tremila, cinquemila, diecimila euro al mese. "Quando arriveranno i soldi da Roma? Il presidente del Consiglio Conte crede che si possa pagare la gente con le belle parole? - si sfoga un tabaccaio che non vuole dire il suo nome -. Io ho la fortuna, diciamo, di poter vendere qualcosina ai concittadini. Ma chi ha un negozio di maschere? Un gondoliere? La gente è disperata".
Nella Venezia del post-lockdown la linea tra la bancarotta e la speranza di sopravvivere, tra il galleggiare e l’annegare, è sottile. Bisogna contare solo sugli acquisti dei veneziani. Che non sono in vena di spese pazze, e sono pochi: negli anni la comunità di residenti si è assottigliata, molti sono emigrati a Mestre o altrove, esasperati dal turismo di massa e da un costo della vita in salita. È l’altra faccia della "turistificazione" di Venezia. Il risultato è che oggi i bar stanno meglio degli hotel (e infatti qualche coppietta che ciacola e si concede uno spritz c’è), e i supermercati sono più in forma delle edicole, dove da due mesi non si vendono più né cartoline né copie del Times o dello Spiegel.
"Qualcosa vendiamo, ma solo a gente del luogo. Turisti, niente", nota Giulia, ventenne, commessa in un negozio di cosmetici della stazione. Ahmed è poco più grande di lei, viene dal Cairo e lavora (o meglio: lavorava) in un hotel. "Appena si può tornare a viaggiare normalmente vado in Germania. Un mio amico mi ha già trovato un lavoro. Qui non c’è futuro".
"A Venezia le attività ripartono solo se tornano i turisti internazionali: americani, cinesi, arabi - sintetizza Andrea Campanella, che lavora nella vetreria di famiglia a Murano -. Questa apocalisse ha messo in ginocchio tutti. La nostra azienda, per esempio, non ha mai messo in cassa integrazione nessuno, siamo sempre andati avanti. Ma ora la situazione è durissima".
Difficile dare torto all’imprenditore. Il turismo è la linfa della città, e senza di esso soffrono anche musei, librerie, teatri. Alberto Zen organizza a Venezia eventi musicali e culturali di prestigio. "Io oggi ho zero entrate - spiega -. Però penso che questa sia un’opportunità unica per cambiare, e puntare su un turismo più sostenibile. Ripensando spostamenti, flussi, uso delle risorse, mobilità locale".
Di recente il sindaco (di centrodestra) di Venezia, Luigi Brugnaro, ha proposto al governo un piano per rilanciare la città, e tutta Italia: puntando ad esempio sulla protezione della filiera turistica, e sulla creazione di un fondo nazionale per il sostegno degli affitti a uso abitativo. Per Jacopo Berti, capogruppo M5S in Consiglio regionale, "la monocultura turistica ha ucciso la vocazione di Venezia, città di mercanti e commerci. È stata museizzata".
23.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00