function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Fotoreportage tra bar, ristoranti, alberghi e negozi
Immagini articolo
"Meglio la mascherina
che chiudere di nuovo"
ANDREA BERTAGNI


"Se le piccole e medie imprese sono la spina dorsale dell’economia svizzera, allora siamo tetraplegici". Fabrizio Paris davvero non ce la fa a essere positivo. "A causa del lockdown ho chiuso il mio secondo negozio di Grancia. Ora resisto qui a Giubiasco ma a 58 anni ho perso l’entusiasmo". Paris non è l’unico commerciante superstite/sconfitto dal coronavirus. Anche Paolo Maretti che ha un negozio di articoli di abbigliamento sportivi, vive nell’incertezza "di dover chiudere di nuovo mentre le vendite online continueranno a restare aperte. Inoltre - spiega - al di là del lavoro ridotto e dell’indennità di perdita di guadagno non c’è stato nessun terzo aiuto. La politica si è mossa solo a parole".
Per l’economia locale, è anche il ragionamento di Antonio Bee, che ha un bar in piazza grande, si poteva insomma fare di più. "Come l’Iva. Prima ci dicono state tranquilli, poi se la prendono...". Pur di non chiudere di nuovo va bene anche la mascherina obbligatoria, secondo Bee. "Ma il vero problema - aggiunge - è il mercato del sabato a Bellinzona. Lo sanno tutti che quello è il focolaio maggiore".
Preoccupazione e ancora preoccupazione. Oggi sembra essere questo l’unico "mantra" che risuona nei bar, nei ristoranti e nei negozi di Locarno, Bellinzona e Lugano. Mentre  il Cantone hanno deciso di imporre la protezione del viso nei negozi. "Siamo molto preoccupati. Un’altra chiusura potrebbe essere fatale". Andrea Bruni Szabot ha un centro estetico a Sant’Antonino. E oltre a essere in ansia è anche disorientata. "In aprile c’erano 50 casi al giorno e abbiamo dovuto chiudere. Mercoledì i casi erano oltre mille ed è tutto normale". A Lugano Naveen Jerith ha un albergo in via Nassa. "Spero che non chiuderanno di nuovo le frontiere - dice - altrimenti dovremmo fare a meno dei turisti tedeschi e italiani". Manfred Rihs, che vende orologi a cucù li a fianco si augura, come tutti, che non scatti una seconda chiusura, "sarebbe un distastro". Ma è contrario alla mascherina all’aperto. Come lui la pensa Michele Armati, farmacista in piazza Riforma. "Molto meglio il distanziamento sociale". Luca Fraccaroli, che vende cappelli, si è salvato grazie ai luganesi. "Che non sono andati a fare la spesa in Italia". Sadiq Arabzade, fa kebap a Giubiasco. "Io non ho paura, ma serve attenzione da parte di tutti", annota . "Certo che siamo preoccupati, ma basta stare attenti", aggiunge Davide Somaini, che ha una gelateria, sempre a Giubiasco. "I clienti si dividono in due categorie - annota Alessandro Ceccato, gelataio a Sant’Antonino - quelli che se ne fregano del virus e quelli che hanno paura". Samantha De Bernardo, fiorista a Locarno, è sicura. "Noi usavamo già la mascherina prima che fosse obbligatoria". Altrettanto certo è Emanuele Usuelli, ottico a Locarno. "Io mi sono sempre coperto naso e bocca al supermercato". Zeki Alyagut, barista sempre a Locarno, pensa che dovrebbero proteggersi tutti, non soltanto baristi e camerieri. "Altrimenti non ha senso". Ursi Genazzi cuce abiti da sposa. "Evito di andare al ristorante e la spesa me la fa ancora mia figlia". Nel negozio di vestiti a fianco, Eva Desgraz si disinfetta sempre le mani ed è sempre molto attenta. "I giovani sono più abituati alle misure degli adulti", sottolinea.
abertagni@caffe.ch
10.10.2020


LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Cina un Paese-partito
frenato dai suoi leader
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La tranquilla città
del killer fantasma
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

50 anni fa
moriva
Jim Morrison

Tigre:
allarme Onu
sulla carestia

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00