Sesso e amore
Immagini articolo
Ho lasciato mio marito
perché non mi cerca più
LINDA ROSSI


La lettera
A cinquant’anni e dopo due figli ho lasciato mio marito perché da cinque anni non mi cercava più sessualmente. Ho cercato di discuterne con lui ma ogni volta mi rispondeva che, pur non avendo un’altra donna, non provava più desiderio per me. La spiegazione che ho potuto darmi è che nei numerosi anni di matrimonio ho sempre tirato io il carro della famiglia, imponendogli molte cose. Per superare frustrazione e rabbia ho deciso di lasciarlo. Più tardi, leggendo il suo articolo su questo tema (5.02.17), mi sono chiesta se avrei potuto evitare di prendere questa drastica decisione.

La risposta
Cara signora, rimpiange forse ciò che ha fatto? Si può sempre tornare sui propri passi, ma a condizione di aver dato un significato a quanto è successo e di capire il ruolo che lei vi ha giocato, così da poter correggere il proprio comportamento in questa relazione - che immagino continuidato che ci sono dei figli - o in vista di una futura. In questo modo lei prenderà in mano la sua vita. In parte ha già cercato le sue eventuali responsabilità riconoscendo di aver imposto molte cose a suo marito.
Su questo aspetto le dirò che più un uomo si pone in modo passivo e più la donna, soprattutto se ci sono figli, tende a ovviare a questa passività prevaricandolo. E l’uomo, per reazione, si adagia comodamente provando però al contempo un senso di incapacità e di impotenza. È un gioco a due e la responsabilità è di entrambi. Molto dipende da come questa interazione viene messa in gioco, dalle parole che si usano e dai rispettivi toni. Provi a chiedersi se con suo marito non ha mai ricorso a termini denigranti o svalorizzanti. Se così fosse, lui si potrebbe esser sentito giudicato e accusato dalla sua donna, ben diversa agli inizi della relazione, che si comporta come una strega.
Tutto ciò, è facile immaginare, spegne il desiderio sessuale dell’uomo. È più forte di lui. Il resto, poi, viene da sé. Se la donna non si sente desiderata si sentirà sempre più frustrata e arrabbiata. E nel corso delle discussioni, se queste emozioni vengono espresse, confermano nell’uomo l’impressione che sia veramente diventata una strega la sua donna, peggiorando ancora di più la situazione. Una volta preso consapevolezza di tutto questo, sempre che si ritrovi in tale dinamica, se vuole ritentare con il suo ex le consiglio di puntare su una comunicazione convincente e rispettosa. Senza dimenticare, anche, di sfoderare tutte le sue abilità seduttive.
12.03.2017


IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia riprende
ma la paura rimane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il dialogo possibile
fra Corea e Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.08.2017
Aggiornati i dati sulla qualità igienica delle acque di balneazione rilevati dal Laboratorio cantonale [www.ti.ch/oasi]
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
03.07.2017
Quinto/Cascina Rosserrora - coordinate 696/150 - Predazione 1 capra
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch