Le interazioni con le "macchine" sono sempre più strette
Immagini articolo
Sarà pure artificiale
ma è vera intelligenza
EZIO ROCCHI BALBI


Basta vedere come sta entrando in modo capillare nella vita quotidiana per capire che l’intelligenza artificiale non è il futuro, è adesso". Il cinquantenne Marco Zaffalon, responsabile di gruppo di ricerca all’Istituto Dalle Molle di studi sull’intelligenza artificiale (Idsia) e docente Supsi sarà uno dei principlai protagonisti dell’evento "Silicon Valley meets Switzerland", in programma il prossimo 31 marzo al Palazzo dei Congressi di Lugano (vedi riaquadro in pagina). E avrà gioco facile nel dimostrare come l’intelligenza artificiale sia ormai un importante motore di crescita economica e di progresso sociale. Senza dimenticare che, solo nell’anno appena trascorso, le startup che prevedono nei loro prodotti l’uso di algoritmi di intelligenza artificiale hanno raccolto qualcosa come quattro miliardi di franchi.
"Se prima l’argomento coinvolgeva solo il mondo accademico, la curiosità di quanti affascinati da ‘cose difantascienza’, negli ultimi quattro anni sta cambiando moltissimo e le applicazioni trovano spazio nei settori più disparati, incluso quello finanziario - osserva Zaffalon -. Con l’Ubs di Zurigo, ad esempio, stiamo elaborando un ‘libro bianco’, che sarà presto pubblicato, sull’impatto dell’intelligenza artificiale nel mondo finanziario. L’Ubs ha già coinvolto una decina di persone nel progetto, ma forse non tutti sanno che esiste già un fondo d’investimento interamente gestito da  un’intelligenza artificiale. Una sorta di ‘robot advisor’ che è immune alle reazioni emotive,  e che in ambito finanziario reagisce nelle situazioni difficili, d’instabilità economica o rischio, col necessario... sangue freddo".
Il salto qualitativo che ha portato negli ultimi anni l’intelligenza artificiale a competere con l’uomo - e talvolta superarlo - in settori specifici quali la percezione visiva, il riconoscimento vocale e la traduzione tra lingue, secondo il docente è avvenuto grazie alle cosidette "reti neurali", che hanno permesso alle "macchine" l’apprendimento profondo: la capacità di studiare, analizzare e memorizzare una mole impressionante di dati. "In campo medico, in quello delle cellule tumorali ad esempio, abbiamo visto risultati sorprendenti - spiega Zaffalon -. Prima hanno appreso con migliaia di immagini di esempio e relative diagnosi, poi le reti neurali hanno cominciato ad apprendere da sole. Più acquisivano dati, più imparavano e più cresceva l’accuratezza delle previsioni. I nostri test hanno dimostrato che, alla fine, la rete era in grado di fare diagnosi con una precisione maggiore degli stessi studiosi".
E non è un caso che, pochi mesi fa, l’Idsia abbia ottenuto il suo decimo riconoscimento internazionale per la ricerca nel campo dell’intelligenza artificiale. Un riconoscimento, tra l’altro, in quella "bio-ispirata", basata proprio sulle reti neurali ispirate alla struttura del nostro cervello. Un futuro, quindi, non così futuro, anche se l’idea di affidare alle macchine tanto "potere" può ancora fare paura.
"Sì, l’evoluzione è stata importante, ma non è ancora così vicino il momento in cui lasceremo prendere alle macchine delle decisioni al nostro posto - aggiunge il ricercatore -. Alla paura possiamo rispondere a livello filosofico, anche perché il progresso non si può fermare e non dobbiamo fermarlo; basta pensare alle sfide enormi che ci attendono, dal clima alla medicina alla possibilità di prevedere calamità e disastri". Insomma le macchine, almeno per il momento, per quanto offrano un’interazione molto stretta, si limitano al ruolo di consulenti, esperti con cui confrontarci e che ci aiutano a prendere decisioni giuste.
"Decisioni che spettano a noi - sottolinea Zaffalon che, tra l’altro, ha guidato il gruppo di ricerca collaborando con Armasuisse, l’Ufficio federale dell’armamento -. La macchina può riconoscere automaticamente le intenzioni di un aereo penetrato in uno spazio protetto e sensibile, ma non è lei a decidere come reagire. Al massimo può suggerire, e calcolare per noi, tutte le opzioni possibili".
22.01.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch