Le interazioni con le "macchine" sono sempre più strette
Immagini articolo
Sarà pure artificiale
ma è vera intelligenza
EZIO ROCCHI BALBI


Basta vedere come sta entrando in modo capillare nella vita quotidiana per capire che l’intelligenza artificiale non è il futuro, è adesso". Il cinquantenne Marco Zaffalon, responsabile di gruppo di ricerca all’Istituto Dalle Molle di studi sull’intelligenza artificiale (Idsia) e docente Supsi sarà uno dei principlai protagonisti dell’evento "Silicon Valley meets Switzerland", in programma il prossimo 31 marzo al Palazzo dei Congressi di Lugano (vedi riaquadro in pagina). E avrà gioco facile nel dimostrare come l’intelligenza artificiale sia ormai un importante motore di crescita economica e di progresso sociale. Senza dimenticare che, solo nell’anno appena trascorso, le startup che prevedono nei loro prodotti l’uso di algoritmi di intelligenza artificiale hanno raccolto qualcosa come quattro miliardi di franchi.
"Se prima l’argomento coinvolgeva solo il mondo accademico, la curiosità di quanti affascinati da ‘cose difantascienza’, negli ultimi quattro anni sta cambiando moltissimo e le applicazioni trovano spazio nei settori più disparati, incluso quello finanziario - osserva Zaffalon -. Con l’Ubs di Zurigo, ad esempio, stiamo elaborando un ‘libro bianco’, che sarà presto pubblicato, sull’impatto dell’intelligenza artificiale nel mondo finanziario. L’Ubs ha già coinvolto una decina di persone nel progetto, ma forse non tutti sanno che esiste già un fondo d’investimento interamente gestito da  un’intelligenza artificiale. Una sorta di ‘robot advisor’ che è immune alle reazioni emotive,  e che in ambito finanziario reagisce nelle situazioni difficili, d’instabilità economica o rischio, col necessario... sangue freddo".
Il salto qualitativo che ha portato negli ultimi anni l’intelligenza artificiale a competere con l’uomo - e talvolta superarlo - in settori specifici quali la percezione visiva, il riconoscimento vocale e la traduzione tra lingue, secondo il docente è avvenuto grazie alle cosidette "reti neurali", che hanno permesso alle "macchine" l’apprendimento profondo: la capacità di studiare, analizzare e memorizzare una mole impressionante di dati. "In campo medico, in quello delle cellule tumorali ad esempio, abbiamo visto risultati sorprendenti - spiega Zaffalon -. Prima hanno appreso con migliaia di immagini di esempio e relative diagnosi, poi le reti neurali hanno cominciato ad apprendere da sole. Più acquisivano dati, più imparavano e più cresceva l’accuratezza delle previsioni. I nostri test hanno dimostrato che, alla fine, la rete era in grado di fare diagnosi con una precisione maggiore degli stessi studiosi".
E non è un caso che, pochi mesi fa, l’Idsia abbia ottenuto il suo decimo riconoscimento internazionale per la ricerca nel campo dell’intelligenza artificiale. Un riconoscimento, tra l’altro, in quella "bio-ispirata", basata proprio sulle reti neurali ispirate alla struttura del nostro cervello. Un futuro, quindi, non così futuro, anche se l’idea di affidare alle macchine tanto "potere" può ancora fare paura.
"Sì, l’evoluzione è stata importante, ma non è ancora così vicino il momento in cui lasceremo prendere alle macchine delle decisioni al nostro posto - aggiunge il ricercatore -. Alla paura possiamo rispondere a livello filosofico, anche perché il progresso non si può fermare e non dobbiamo fermarlo; basta pensare alle sfide enormi che ci attendono, dal clima alla medicina alla possibilità di prevedere calamità e disastri". Insomma le macchine, almeno per il momento, per quanto offrano un’interazione molto stretta, si limitano al ruolo di consulenti, esperti con cui confrontarci e che ci aiutano a prendere decisioni giuste.
"Decisioni che spettano a noi - sottolinea Zaffalon che, tra l’altro, ha guidato il gruppo di ricerca collaborando con Armasuisse, l’Ufficio federale dell’armamento -. La macchina può riconoscere automaticamente le intenzioni di un aereo penetrato in uno spazio protetto e sensibile, ma non è lei a decidere come reagire. Al massimo può suggerire, e calcolare per noi, tutte le opzioni possibili".
22.01.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe